Facebook Pixel
Sabato 26 Novembre 2022, ore 10.58
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Eurozona, Covid ha impattato decisione di anticipare pensione

Economia ·
(Teleborsa) - La pandemia ha influito sulla scelta di andare in pensione di alcuni lavoratori più anziani, anche se a livello aggregato l'aumento non è stato su larga scala. È quanto emerge da uno studio della Banca centrale europea (BCE), secondo cui da marzo 2020 a giugno 2021 il 70% dei pensionati è andato in pensione come previsto, il 23% prima del previsto e il 7% più tardi del previsto. Queste cifre implicano che la maggior parte dei lavoratori andati in pensione non è stato ampiamente influenzato dalla pandemia. Al contrario, il 38% di coloro che si sono ritirati prima del rapporto previsto lo hanno fatto a causa della pandemia.

Quindi, del 5,5% di tutti i lavoratori attivi che si sono ritirati dopo lo scoppio della pandemia, l'8,7% si è ritirato presto direttamente a causa della pandemia. Ciò equivale a circa lo 0,5% della forza lavoro di età compresa tra 55 e 74 anni, o circa 175.000 persone, il che è in linea con l'unico aumento marginale della pensione osservata nei dati aggregati.

Lo studio della BCE evidenzia che la pensione anticipata è stata scelta da lavoratori in condizioni di salute peggiore, riflettendo le percezioni di rischi per la salute aumentati derivanti dalla pandemia.



Allargando lo sguardo, il report evidenzia che l'aumento dell'attività dei lavoratori più anziani è stata una caratteristica dell'aumento del tasso di partecipazione della forza lavoro dell'area euro negli ultimi 15 anni. Il tasso di partecipazione della forza lavoro dell'eurozona è aumentato dal 61,7% nel 2005 al 64,6% nel 2019, guidato principalmente dalla maggiore attività nel mercato del lavoro dei lavoratori più anziani.

Il tasso di partecipazione per le persone di età compresa tra 55 e 64 anni è aumentato di oltre 21 punti percentuali in questo periodo e di oltre 4 punti percentuali per i lavoratori di età compresa tra 65 e 74. "Questi sviluppi sono particolarmente importanti nel contesto di una società che invecchia, con la forza lavoro dell'area euro che diventa più anziana nel tempo", scrivono i ricercatori. I lavoratori di età pari o superiore a 55 anni rappresentavano oltre il 20% della forza lavoro nel 2021, rispetto al 12% nel 2005.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.