Facebook Pixel
Milano 10:12
34.485 -0,27%
Nasdaq 12-lug
20.331 0,00%
Dow Jones 12-lug
40.001 +0,62%
Londra 10:12
8.240 -0,15%
Francoforte 10:12
18.725 -0,12%

A2A, nel 2023 record dell'Ebitda a 1,93 miliardi (+30%)

Energia, Finanza
A2A, nel 2023 record dell'Ebitda a 1,93 miliardi (+30%)
(Teleborsa) - I risultati preliminari dell'esercizio 2023 di A2A mostrano un Ebitda (Margine Operativo Lordo) che si attesta a 1,97 miliardi di euro (1,50 miliardi di euro nel 2022, +32%). L’Ebitda Ordinario, ovvero al netto delle poste straordinarie registrate nel periodo, si attesta a 1,93 miliardi di euro in crescita del 30% rispetto all’esercizio 2022 (1,49 miliardi di euro).

Gli Investimenti organici si sono attestati a 1,38 miliardi di euro in incremento dell’11% rispetto all’anno precedente e hanno riguardato principalmente gli interventi volti a contribuire alla flessibilità e adeguatezza degli impianti di generazione elettrica (costruzione del nuovo impianto a ciclo combinato -CCGT- di Monfalcone, realizzazione del peaker di Cassano e upgrade della centrale CCGT di Piacenza), alla crescita delle infrastrutture destinate alla produzione di energia da fonti rinnovabili (nuovo parco eolico di Matarocco e nuovi impianti fotovoltaici), al potenziamento delle reti di distribuzione elettrica e al recupero di energia e materia.

La Posizione Finanziaria Netta risulta pari a 4,68 miliardi di euro (4,26 miliardi di euro al 31 dicembre 2022). Escludendo le variazioni di perimetro intervenute nell’anno in esame, la PFN è in crescita di 0,42 miliardi di euro: tale incremento è dovuto principalmente all’andamento del capitale circolante riconducibile all’espansione della base clienti di A2A Energia (in particolare nei segmenti Salvaguardia e Tutele Graduali - Microimprese) e al pagamento di imposte one off legate alla tassazione extra profitti 2022.

Il rapporto PFN/Ebitda risulta pari a 2,4x, in diminuzione rispetto all’anno precedente (2,8x).

"I risultati preliminari presentati oggi confermano l’accelerazione della crescita del Gruppo impressa dal Piano Industriale al 2030” - commenta l’Amministratore Delegato di A2A Renato Mazzoncini - “Nel corso del 2023 abbiamo ulteriormente incrementato gli investimenti in infrastrutture strategiche per la transizione ecologica del Paese con 1,38 miliardi di euro, l’11% in più rispetto al 2022 e chiudendo il triennio ’21-’23 a 5 miliardi, includendo anche il contributo delle M&A. Il Margine operativo lordo ordinario ha registrato un livello record pari a 1,93 miliardi di euro, in crescita del 30% rispetto all’esercizio precedente. Un risultato straordinario, frutto del contributo bilanciato di tutte le nostre Business Unit e in particolare dell’aumento della produzione di energia da fonti rinnovabili, delle efficaci strategie di copertura e delle azioni di sviluppo commerciale oltre che della progressiva normalizzazione dello scenario energetico".

Generazione di energia da fonti rinnovabili pari a oltre 4,5TWh, in aumento del 35% rispetto al 2022. La produzione eolica è stata pari a 0,4TWh, quasi raddoppiata rispetto all’anno precedente, grazie alle acquisizioni effettuate nel 2022 e all’avvio dell’impianto di Matarocco. In crescita del 37% la produzione idroelettrica, che ha raggiunto 3,7 TWh (+1 TWh rispetto al 2022).

Continua la crescita nell’uso di strumenti di Finanza Sostenibile: grazie alle operazioni concluse nel 2023 la quota di debito sostenibile sul totale del debito lordo di Gruppo al 31 dicembre 2023 ha raggiunto il 70% (58% al 31 dicembre 2022).

Crescita della base clienti nel segmento energy retail: +420 mila rispetto al 31 dicembre 2022.

Il progetto di bilancio consolidato del Gruppo A2A sarà esaminato nel corso del Consiglio di Amministrazione dell’11 marzo 2024.
Condividi
```