Facebook Pixel
Milano 16:36
34.823,51 -1,63%
Nasdaq 16:36
18.660,28 +0,61%
Dow Jones 16:36
40.048,84 +0,11%
Londra 16:36
8.429,45 +0,11%
Francoforte 16:36
18.756,44 +0,28%

Borse Europa immobili dopo BCE e dato USA

Christine Lagarde: "dipendiamo dai dati, non dalla Fed"

Commento, Finanza, Spread
Borse Europa immobili dopo BCE e dato USA
(Teleborsa) - Le principali Borse del Vecchio Continente, continuano gli scambi sulla parità pur sopra i minimi di seduta, dopo che i prezzi alla produzione americani di marzo si sono attestati sotto le attese. Nel frattempo, la BCE, come atteso, ha lasciato invariati i tassi d’interesse.

Durante il discorso post decisione, la presidente della BCE, Christine Lagarde, ha detto: "dipendiamo dai dati, non dalla Fed", in risposta alla domanda se a raffreddare l'atteggiamento della banca centrale sul taglio dei tassi sia il dato molto forte sull'inflazione americana. Lagarde, nella conferenza stampa dopo il Consiglio direttivo, ha aggiunto che "i dati includono anche l'inflazione, tutto ciò che ha rilevanza sarà incluso nelle nuove stime di giugno e gli Usa hanno un mercato e un'economia ragguardevoli".

Sul mercato valutario, stabile l'Euro / Dollaro USA, che continua la sessione sui livelli della vigilia e si ferma a 1,074. L'Oro mostra un timido guadagno, con un progresso dello 0,23%. Il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) perde lo 0,77% e continua a trattare a 85,56 dollari per barile.

Balza in alto lo spread, posizionandosi a +139 punti base, con un incremento di 4 punti base, con il rendimento del BTP decennale pari al 3,79%.

Tra i mercati del Vecchio Continente resta vicino alla parità Francoforte (-0,18%), piatta Londra, che tiene la parità, e seduta senza slancio per Parigi, che riflette un moderato aumento dello 0,30%. Prevale la cautela a Piazza Affari, con il FTSE MIB che continua la seduta con un leggero calo dello 0,41%; sulla stessa linea, si posiziona sotto la parità il FTSE Italia All-Share, che retrocede a 36.077 punti.

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, ben impostata ERG, che mostra un incremento del 2,15%.

Tonica DiaSorin che evidenzia un bel vantaggio dell'1,82%.

In luce Italgas, con un ampio progresso dell'1,69%.

Piccolo passo in avanti per A2A, che mostra un progresso dell'1,32%.

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Banca MPS, che prosegue le contrattazioni a -3,07%.

In rosso Banco BPM, che evidenzia un deciso ribasso del 2,94%.

Spicca la prestazione negativa di Iveco, che scende del 2,86%.

BPER scende del 2,67%.

Tra i migliori titoli del FTSE MidCap, Alerion Clean Power (+4,65%), Philogen (+3,17%), El.En (+2,30%) e Digital Value (+2,10%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su Maire Tecnimont, che continua la seduta con -6,37%.

Seduta negativa per Juventus, che scende del 5,16%.

Sensibili perdite per Ferragamo, in calo del 3,82%.

Calo deciso per ENAV, che segna un -1,89%.
Condividi
```