Facebook Pixel
Milano 17:35
34.216 -0,91%
Nasdaq 17:49
19.579 -0,64%
Dow Jones 17:49
40.281 -0,95%
Londra 17:35
8.156 -0,60%
Francoforte 17:35
18.172 -1,00%

TaTaTu rimanda l'approvazione del bilancio 2023. Ricavi in calo del 34%

Finanza
TaTaTu rimanda l'approvazione del bilancio 2023. Ricavi in calo del 34%
(Teleborsa) - Il consiglio di amministrazione di TaTaTu, piattaforma di social media fondata da Andrea Iervolino che premia gli utenti con TTU Coin per la visualizzazione di contenuti e per le attività di social media, ha deciso di posporre l'approvazione del bilancio al 31 dicembre 2023 in attesa della definizione del nuovo piano industriale basato sul presupposto della continuità aziendale.

Il piano sarà incentrato (i) su nuove opportunità di sfruttamento dell'app, che ha visto crescere la propria library di distribuzione cha ad oggi rileva circa 5.300 titoli con diritti di sfruttamento molto variegati tra durata e territori, e (ii) il reperimento di nuova finanza.

Nel mentre, il CdA ha approvato i dati preliminari del bilancio al 31 dicembre 2023 predisposti in continuità di applicazione di principi contabili. L'esercizio 2023 si è chiuso con ricavi consolidati pari a un intorno di circa 83.500-85.500 mila euro, in diminuzione di circa il 34% medio rispetto a 113.356 mila al 31 dicembre 2022. I ricavi civilistici di circa 14.500-16.500 mila euro sono in aumento di circa il 12% medio rispetto a 13.886 mila al 31 dicembre 2022.

L'EBITDA adjusted consolidato ha raggiunto un intorno pari a circa 4.250-4.750 mila euro, circa il 5%-6% dei ricavi (negativo 2.652 mila nell'esercizio 2022, con un margine negativo pari al 2%). L'EBITDA adjusted civilistico ha raggiunto un intorno pari a circa 2.350-2.750 milioni, circa il 16%-17% dei ricavi (1.360 mila nell'esercizio 2022, con un margine pari a circa il 10%).

La posizione finanziaria netta debitoria (al netto dell'effetto netto relativo all'applicazione dell'IFRS 16 pari a 17.400 mila) consolidata risulta pari a un intorno di circa 6.500 mila circa (5.379 mila al 31 dicembre 2022). La posizione finanziaria netta debitoria civilistica risulta pari a un intorno di circa 6.840 (5.798 mila al 31 dicembre 2022).
Condividi
```