Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Sabato 1 Ottobre 2016, ore 05.24
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Cosa sono i dividendi?

23 gennaio 2014 - 14.02
1 2 »
Che cosa sono i dividendi?

I dividendi sono gli utili conseguiti da una società che vengono distribuiti ai suoi azionisti, come remunerazione del capitale di rischio investito.

Invece di distribuire gli utili conseguiti sotto forma di dividendo, la società può anche decidere di reinvestire gli stessi utili nella propria attività oppure di utilizzarli per coprire perdite e debiti accumulati nelle gestioni precedenti.

Il dividendo può essere di tipo "ordinario" oppure "straordinario". Il primo riguarda la parte di utili (laddove ci siano degli utili), che la società produce ogni anno e decide di distribuire regolarmente. Il secondo riguarda risorse che la società riesce a procurarsi attraverso operazioni di carattere straordinario, (ad esempio la vendita di qualche asset non strategico), oppure quote di accantonamenti accumulati negli anni passati.

Il dividendo viene pagato in contanti, ma potrebbe anche essere pagato distribuendo agli azionisti nuove azioni. In quest'ultimo caso, la società provvederà ad effettuare un aumento gratuito di capitale, facendo aumentare il numero di azioni in circolazione.

La decisione di distribuire un dividendo viene presa dall'assemblea degli azionisti su proposta del Consiglio di Amministrazione.

Quando una società decide di distribuire un dividendo, comunica la data di stacco della cedola, il numero della cedola, la data di pagamento del dividendo, l'ammontare del dividendo espresso per singola azione, la valuta del dividendo.

La data di stacco della cedola è la data in cui viene riconosciuto il dividendo all'azionista, mentre la data di pagamento costituisce il momento in cui viene consegnato il denaro all'azionista, attraverso l'accredito dell'importo nel suo conto corrente.

Alla data di stacco della cedola, il prezzo del titolo viene decurtato di una somma pari all'ammontare del dividendo ed il titolo quoterà "ex dividendo". Il giorno dello stacco, quindi, l'azionista potrà mettere in vendita i titoli posseduti mantenendo il diritto ad incassare il dividendo.

In merito alla rettifica della serie storica dei prezzi del titolo, si fa notare che, per i titoli quotati a Piazza Affari e, di solito, per i titoli quotati su qualsiasi mercato, si procede ad aggiornare la serie storica dei prezzi del titolo (split), solo in caso di dividendo straordinario, mentre per il dividendo ordinario la serie storica dei prezzi non cambia.
1 2 »
Le altre guide
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.