Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Martedì 6 Dicembre 2016, ore 19.03
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Come fare per difendersi dall'inquinamento domestico?

Ambiente · 15 aprile 2016 - 13.14
Uno dei temi che attualmente preme e di cui tutti parlano è quello dell’inquinamento. Siamo circondati dall'inquinamento e ne esistono diverse forme, come ad esempio l’inquinamento da città, l’inquinamento acustico, l'inquinamento da fumi, tossici e non.
E' un fenomeno sempre più in aumento che ha messo in allarme tantissimi Stati ed i loro governi.
Per fortuna però anche tra la gente comune si inizia a sentire il peso di questo problema e ci si inizia a preoccupare degli effetti nocivi dell'inquinamento atmosferico sulla salute.


IMPORTANTE

Non si tratta solo di inquinamento che proviene dall'ambiente esterno, ma si deve prestare attenzione anche a quello delle nostre case.
Sì, perché non pensiamo mai a questo, ma neanche in casa siamo al sicuro, dove la presenza di sostanze come polvere, muffe, batteri e acari possono provocare allergie, problemi respiratori e infezioni.



Lo scopo di questa guida è proprio quello di imparare a difendersi dai pericoli e dalle insidie per la salute che si annidano nelle quattro mura di casa, un problema da non sottovalutare.

Ma come difendersi dall’inquinamento domestico? Ecco pochi semplici passi.

La pulizia prima di tutto, non solo a Pasqua

pulizia, detersiviPrima di tutto è importante la pulizia; per prevenire l'azione nociva di diversi agenti dannosi nel nostro ambiente domestico è fondamentale un'accurata e profonda pulizia. Almeno una volta al mese è bene fare una pulizia completa e profonda della casa magari con l'aiuto di qualcuno.

Eliminate vecchi giornali e riviste, ambiente perfetto per la polvere che annidandosi facilmente crea un ambiente ideale per gli acari. Spolverate frequentemente librerie, mobili e soprammobili, lampade, televisioni e computer. In generale tutte le stanze andrebbero spolverate spesso.


Arieggiate le stanze

Passo successivo alla pulizia profonda è il continuo ricambio dell'aria per mantenere un ambiente sano. Qualora fosse possibile lasciate le finestre socchiuse più tempo che potete così da garantire un ricambio continuo. Nel caso però non possiatemavoleste ugualmente far respirare la casa ricordatevi che sicuramente gli orari migliori per tenere aperte le finestre sono alba e tramonto, infatti l'aria esterna, in quelle fasce orarie, è meno inquinata dal traffico e meno carica di allergeni e pollini.


Scegliete le piante adatte ed evitate l'umidità eccessiva


pianta aloeAltro metodo efficace e naturale per purificare l'aria all’interno della casa è attraverso la cura delle piante da appartamento come: ficus, aloe vera e edera. Queste sono solo alcune delle piante adatte a riossigenare l'ambiente domestico.

Importantissimo è non avere eccesso di umidità perché un ambiente umido favorisce la crescita e proliferazione di batteri, muffe e acari.

Per questo motivo si consiglia di aprire la finestra del bagno dopo ogni doccia fatta così da non creare condense. Lasciate socchiusa una finestra anche in cucina in modo da disperdere l'umidità che si crea in conseguenzaai vapori di cottura; quando possibile stendete i panni all'esterno.


Attenzione agli amici a quattro zampe

Anche i nostri amati amici a quattro zampe involontariamente possono contribuire su qualcosina:

Se avete animali domestici e non avete alternativa che tenerli unicamente in casa perché sprovvisti di uno spazio esterno, prendete alcune precauzioni, ad esempio consigliabile è pulire le zampe con un panno umido ogni qualvolta ritornano a casa da una passeggiata, evitate di farli salire su letti e divani.


E prima di andare a letto...

acaro lettoL'ambiente in cui si dorme è quello da mantenere più pulito e sano. Il letto è il posto più a rischio perché può diventare facilmente nido per acari e batteri.

Scegliete sempre materassi e cuscini in fibre sintetiche con fodera anti-microbi. Spolverate quanto più spesso le spalliere e i mobili vicini al letto. Lavate le lenzuola a 60 gradi e cambiatele almeno una volta ogni due settimane.

Infine, non è obbligatoria una pulizia eccessiva quotidiana, però certamente è consigliabile tenere un'ambiente pulito così da preservare noi ed i nostri cari da una forma di inquinamento che a lungo abbiamo ignorato, ma dal quale oramai dobbiamo difenderci.

Le altre guide
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.