Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Mercoledì 1 Aprile 2020, ore 03.25
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Petrolio, AIE: il ritorno sul mercato dell'Iran pesa sulla domanda globale

Secondo EIA, nel 2016 l'eccesso di offerta anche alla luce del ritorno sul mercato dell'Iran peserà sulla domanda globale di petrolio. Riviste al ribasso le stime di crescita della domanda

Economia ·
(Teleborsa) - Riviste al ribasso la stime di crescita della domanda globale di petrolio nel 2016.

Lo rivela l' International Energy Agency (IEA) che nel report sulle previsioni di gennaio, spiega come la domanda crescerà di 1,2 miliardi di barili di olio equivalente al giorno (da 1,8 mln del 2015).

L'IEA rivede al ribasso la domanda mondiale di petrolio di quest'anno, portandola da 95,8 a 95,7 milioni di barili al giorno.

"L'offerta di petrolio potrà restare eccedente nel 2016 a causa dell'arrivo del greggio iraniano, visto la produzione dell'Iran che è aumentato in dicembre di 40.000 barili al giorno, al livello più' alto dal giugno 2012 e il Paese, dopo la rimozione delle sanzioni, ha detto che questa può aumentare di 500 mila barili al giorno.

Le scorte globali sono aumentate di 1 miliardo di barili tra il 2014-15, con i fondamentali che suggeriscono un ulteriore accumulo di 285 mb nel corso di quest'anno.

L'Eccesso di offerta Persistente, le notizie economiche negative, mettono sotto pressione i prezzi in modo tale che il greggio ha toccato livelli bassi di 12 anni. E ancora- suggerisce l'EIA che a bloccare le quotazioni contribuiscono temperature eccezionalmente miti nella prima parte dell'inverno in Giappone, Europa e Stati Uniti accanto all'indebolimento economico debole in Cina, Brasile, Russia e altre economie dipendenti dalle materie prime.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.