Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Martedì 12 Dicembre 2017, ore 07.30
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Italia, bene la produzione industriale a giugno

L'Istat vede in crescita l'indice su mese e su anno. Contribuiscono tutti i settori economici

Economia, Macroeconomia ·
(Teleborsa) - Cresce la produzione industriale nel mese di giugno, trainata da quasi tutti i comparti. Secondo i dati diffusi dall'Istat l’indice destagionalizzato della produzione industriale registra un incremento dell’1,1% rispetto a maggio, mentre in termini tendenziali aumenta del 5,3% (al netto degli effetti di calendario e in presenza dello stesso numero di giorni lavorativi).

Nella media del trimestre aprile-giugno 2017 e dei primi sei mesi dell’anno la produzione è aumentata rispettivamente dell’1,1%, e del 2,2% in confronto allo stesso periodo dell’anno precedente.

L’indice destagionalizzato mensile registra variazioni congiunturali positive nei raggruppamenti dell’energia (+5,7%), dei beni intermedi e dei beni di consumo (entrambi +1,3%); segna invece una variazione negativa il comparto dei beni strumentali
(-0,3%).

In termini tendenziali gli indici corretti per gli effetti di calendario registrano a giugno 2017 una crescita significativa per l’energia (+9,8%); aumentano in misura rilevante anche i beni di consumo (+5,6%), i beni strumentali (+5,1%) e i beni intermedi (+4,0%).

Per quanto riguarda i settori di attività economica, i migliori in termini di crescita tendenziale sono quelli della produzione di prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici (+18,5%), della fabbricazione di mezzi di trasporto (+13,6%), della fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (+12,1%) e della fornitura di energia elettrica, gas, vapore ed aria (+10,8%). L’unico settore che registra una diminuzione è quello dell’industria del legno, della carta e stampa (-1,1%).
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.