Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Giovedì 19 Luglio 2018, ore 11.46
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

I commercialisti lanciano l'allarme: il sistema fiscale è una Babele

"Siamo di fronte ad un vero e proprio ginepraio normativo e applicativo, difficile da gestire e da interpretare", ha dichiarato il presidente del Consiglio nazionale dei commercialisti, Massimo Miani

Economia ·
(Teleborsa) - Dura la vita dei commercialisti che definiscono il sistema fiscale una vera e propria Babele, lamentando un numero eccessivo di adempimenti con scadenze ravvicinate, una proliferazione di istruzioni di difficile comprensione emanate in prossimità - se non dopo - le scadenze di legge. Per non parlare poi delle continue modifiche e rimaneggiamenti delle norme fiscali e della continua richiesta di dati talvolta già in possesso dell'Amministrazione Finanziaria. Questi sono i principali fattori di criticità nel rapporto Fisco-contribuenti individuati dalla Fondazione nazionale dei commercialisti che verranno presentati oggi, 13 febbraio 2018, a Roma agli Stati Generali della professione.

"La situazione che si è venuta a creare - commenta il presidente del Consiglio nazionale dei commercialisti, Massimo Miani - ha raggiunto un livello di guardia tale che, in più di una circostanza, contribuente e professionista, nel loro rapporto con il Fisco e la Pubblica Amministrazione, hanno la sensazione di essere trattati più come sudditi che come cittadini di uno Stato di diritto". "Siamo di fronte - prosegue Miani - ad un vero e proprio ginepraio normativo e applicativo, difficile da gestire e da interpretare, che costringe gli studi professionali a lavorare, il più delle volte, in condizioni di emergenza, con disagi che si ripercuotono ingiustamente sui contribuenti". "Il nostro auspicio - conclude il presidente dei commercialisti - è che la legislazione in materia fiscale torni finalmente a mettere al centro dell'attenzione i principi fondamentali dello Statuto dei diritti del contribuente, in modo da realizzare un sistema fiscale caratterizzato da maggiore stabilita' e certezza, con adempimenti a carico dei contribuenti più semplici e ridotti nel loro numero, così da restituire anche a noi professionisti condizioni di lavoro dignitose nell'assolvimento delle nostre funzioni in ambito fiscale".
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.