Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 22 Maggio 2018, ore 07.55
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Bruxelles propone bilancio UE a lungo termine 2021-2027

Primo bilancio varato dopo la Brexit

Economia ·
(Teleborsa) - La Commissione UE ha proposto un bilancio a lungo termine pragmatico e moderno per il periodo 2021-2027.

Bruxelles spiega che "si tratta di una risposta alle realtà di oggi, in cui l'Europa è chiamata a svolgere un ruolo più importante nel garantire la sicurezza e la stabilità in un mondo instabile, proprio quando la Brexit lascerà un vuoto significativo nel bilancio UE. La proposta risponde a questa duplice sfida mediante tagli alla spesa e nuove risorse, strumenti utilizzati entrambi in pari misura.

I finanziamenti per le nuove e principali priorità dell'Unione verranno mantenuti o rafforzati e ciò implica inevitabilmente alcuni tagli in altri settori. È tempo di agire responsabilmente, considerata la posta in gioco così elevata.

La proposta prevede un bilancio complessivo da 1.279 miliardi di euro, pari all'1,11% del reddito nazionale lordo dell'Europa dei 27.Nel complesso la Commissione propone un bilancio a lungo termine di 1.135 miliardi in impegni (espressi in prezzi del 2018). Jean-Claude Juncker, capo dell'Esecutivo comunitario, ha presentato la proposta alla plenaria del Parlamento Europeo, definendola "ragionevole e responsabile". "Ci occorre un bilancio sufficiente per le nostre ambizioni" e quindi "ambizioso", ma anche "equilibrato e giusto per tutti", ha spiegato.

"Il nuovo bilancio rappresenta l'occasione per plasmare una nuova, ambiziosa Unione a 27, con al centro il vincolo della solidarietà. Con la proposta di oggi abbiamo presentato un piano pragmatico su come fare di più con meno. Il vento economico favorevole nelle nostre vele ci dà un margine di manovra ma non ci mette al riparo dalla necessità di operare risparmi in alcuni settori. Garantiremo una sana gestione finanziaria mediante il finora inedito meccanismo per lo Stato di diritto. Ecco che cosa significa agire responsabilmente con il denaro dei contribuenti. Ora la palla è nel campo del Parlamento europeo e del Consiglio. Sono assolutamente convinto che il nostro obiettivo debba essere il conseguimento di un accordo prima delle elezioni del Parlamento europeo il prossimo anno". ha concluso Juncker.

Günther H. Oettinger, Commissario europeo per il bilancio, ha dichiarato: "Quello che costituisce davvero il nucleo di questa proposta di bilancio è il valore aggiunto europeo. Investiamo ancora di più in settori nei quali i singoli Stati membri non possono agire da soli o nei quali è più efficiente operare insieme, come nei campi della ricerca, della migrazione, del controllo delle frontiere o della difesa. Contemporaneamente continuiamo a finanziare politiche tradizionali, ma ammodernate, come la politica agricola comune e la politica di coesione, visto che gli standard elevati dei nostri prodotti agricoli e il recupero economico delle nostre regioni vanno a vantaggio di noi tutti."

Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.