Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 19 Giugno 2018, ore 08.57
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Italia, ad aprile produzione industriale in calo oltre le attese

Secondo l'Istat il dato segna un calo mensile dell'1,2%. Su base annua, la media dei primi quattro mesi resta ampiamente positiva (+3,1%)

Economia, Macroeconomia ·
(Teleborsa) -
Ad aprile 2018 diminuisce la produzione industriale in Italia che registra una battuta d'arresto dopo mesi positivi, tornando sui livelli di febbraio 2018. Nello stesso mese flessioni mensili si registrano anche per alcuni grandi paesi europei come Germania e Spagna.

L'Istat stima che l’indice destagionalizzato della produzione industriale diminuisca dell’1,2% rispetto a marzo. Nella media del trimestre febbraio-aprile la produzione è diminuita dello 0,7% sul trimestre precedente. Corretto per gli effetti di calendario, ad aprile 2018 l’indice è aumentato in termini tendenziali dell’1,9% (i giorni lavorativi sono stati 19 contro i 18 di aprile 2017). Nella media dei primi quattro mesi la produzione è aumentata del 3,1% su base annua.

Gli indici corretti per gli effetti di calendario registrano ad aprile 2018 un’ampia variazione tendenziale positiva nel comparto dei beni strumentali (+5,6%); in misura più lieve crescono anche i beni di consumo (+1,7%) mentre variazioni negative segnano i beni intermedi (-0,7%) e l’energia (-0,6%).

I settori di attività economica che registrano la maggiore crescita tendenziale sono quelli della quelli della produzione di prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici (+11,1%) e della fabbricazione di apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche (+8,3%). Le diminuzioni maggiori si registrano invece nei settori dell’industria del legno, della carta e stampa (-4,1%), della fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche, altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (-4,0%) e della fornitura di energia elettrica, gas, vapore ed aria (-1,9%).
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.