Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 16 Ottobre 2018, ore 19.29
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Decreto Genova, pieni poteri al commissario

La bozza: Autostrade versi somme entro 30 giorni per mettere a disposizione i soldi per la ricostruzione

Economia, Trasporti ·
(Teleborsa) - Il Commissario straordinario per Genova opererà "in deroga ad ogni disposizione di legge, fatto salvo il rispetto dei vincoli non derogabili derivanti dall'appartenenza all'Unione europea".

E' quanto stabilisce la bozza del Decreto Genova che prevede pieni poteri al commissario "per la demolizione, per la rimozione e lo smaltimento delle relative macerie, nonché per la progettazione, l'affidamento e la ricostruzione dell'infrastruttura e il ripristino del connesso sistema viario di collegamento".

Autostrade dovrà mettere sul piatto le somme per ricostruire il ponte entro 30 giorni dalla richiesta del Commissario.

500 ASSUNZIONI IN DEROGA NEGLI ENTI LOCALI

La bozza del decreto prevede inoltre che gli enti locali possono assumere fino a 500 persone in due anni per far fronte all'emergenza ponte Morandi. Regione, Città metropolitana, Comune di Genova, enti del settore allargato e società pubbliche e in controllo pubblico possono assumere complessivamente fino a 250 persone nel 2018 e nel 2019 con contratti a tempo determinato con funzioni di protezione civile, polizia locale e di supporto all'emergenza in deroga ai vincoli di contenimento della spesa di personale previsti dalla normativa vigente.

Aiuti al trasporto pubblico locale. Alla Regione andranno 22 milioni e 500 mila euro per migliorare il servizio regionale e locale per il 2019 e 20 milioni per rinnovare il parco mezzi e 500 mila euro per gli anni 2018-19 per garantire l'integrazione tariffaria tra le diverse modalità di trasporto nella città metropolitana.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.