Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Lunedì 25 Marzo 2019, ore 21.05
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Tav, pubblicato il bando Telt per i primi tre lotti

Pubblicato ufficialmente sulla Gazzetta europea il bando con scadenza al 28 maggio: la base d’asta complessiva è di 2,310 miliardi di euro

Economia, Trasporti ·
(Teleborsa) - È stato pubblicato sulla Gazzetta europea online il bando Telt per la realizzazione dei primi tre lotti dei avori principali del tunnel di base del Tav.

L'avviso legale ( “avis de marché” in francese) riguarda tre lotti: 1. Cantiere operativo 5: scavo del tunnel di base a partire dall’attacco della discenderia di Villarodin-Bourget/Modane. Importo base d’asta 1 miliardo di euro (Iva esclusa) 2. Cantiere operativo 6/7: scavo del tunnel di base a partire dagli attacchi della discenderia di La Praz e di Saint-Martin-la-Porte, importo 1,130 miliardi (Iva esclusa) 3. Cantiere operativo 8: scavo del tunnel di base a partire dagli attacchi dei portali di Villard-Clement, 180 milioni di euro.

Il totale della base d’asta è di 2,310 miliardi di euro: nel bando è precisato che le imprese possono partecipare a tutti i lotti ma potranno aggiudicarsene un massimo di 2 lotti così combinati: lotti 1 e 3 / lotti 2 e 3. A chi presenterà le offerte migliori per i lotti 1 e 2, si assegnerà solo uno dei due lotti.

Per presentare le domande si avrà tempo fino al 28 maggio (quindi dopo le elezioni europee).

Telt valuterà la presenza dei requisiti per le aziende che parteciperanno al bando, a iniziare dal fatturato minimo annuale che "per ognuno dei tre anni 2015, 2016 e 2017" è di 220 milioni di euro per i lotti 1 e 2 e 30 milioni per il terzo lotto.

Telt ricorda infine che la procedura "potrà essere dichiarata senza seguito, in qualsiasi momento della procedura e fino alla stipula dell’appalto" vista la conferma della "facoltà di rinuncia alla conclusione dell’appalto da parte dell’ente aggiudicatore". I motivi della rinuncia potranno essere "economici, giuridici o tecnici o risultare da una scelta dei due Stati" Italia e Francia.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.