Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Domenica 26 Maggio 2019, ore 11.17
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Ance: "Speso solo il 4% dei 150 mld stanziati negli ultimi 3 anni"

Il ministro Toninelli: "Stiamo lavorando per riavviare o accelerare le opere utili che il Paese chiede"

Economia ·
(Teleborsa) - Dei 150 miliardi stanziati per le infrastrutture nelle ultime tre Finanziarie, è stato speso solo il 4%. È quanto emerso dal convegno "Sblocca cantieri quali risorse" organizzato da Ance.

Nel dettaglio, prosegue l'associazione dei costruttori edili, del Fondo da 60 miliardi costituito presso la Presidenza del Consiglio, dei 3 miliardi disponibili per il 2018, sono stati spesi circa 300 milioni.

A questo si aggiunge solo il 19,6% (10 miliardi) dei Fondi europei 2014-2020 speso, su un totale di 51 miliardi disponibili, nella metà del tempo a disposizione, essendo già passati 5 anni dei 10 disponibili.

Anche il Fondo di coesione e sviluppo, che ha in dotazione 492 miliardi principalmente per l'infrastrutturazione del territorio, ha visto l'utilizzo del 1,5%, ovvero 32 miliardi.

"In queste ore stiamo lavorando senza sosta per riavviare o accelerare le tantissime opere utili che il Paese chiede", è stato il messaggio arrivato dal ministro per le Infrastrutture e Trasporti, Danilo Toninelli, al convegno Ance.

"Il decreto sblocca-cantieri - aggiunge Toninelli - è una prima, importante risposta sia sul fronte della semplificazione e della trasparenza del quadro regolatorio, così da aiutare tutte le stazioni appaltanti e gli operatori e mettere a terra le tante risorse che oggi rimangono come imprigionate dalle gabbie della burocrazia, sia sul versante di quei grandi cantieri che da anni marciano troppo lentamente o non marciano affatto e che necessitano di una spinta per ripartire".

"Assieme al ritorno al Regolamento Unico e all'attuazione della delega - conclude il ministro - il decreto consentirà di dare nuova linfa a un settore come le costruzioni, che rimane perno centrale dell'economia italiana".
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.