Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Domenica 26 Maggio 2019, ore 11.33
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Prevalgono le vendite a Piazza Affari e tra le altre Borse europee

Continuano deboli i principali listini europei, già spenti dall'euforia di ieri e tornati a navigare sotto la parità a causa delle prolungate tensioni commerciali tra Cina e Stati Uniti

Commento, Finanza ·
(Teleborsa) - Continuano deboli i principali listini europei in questo inizio mattinata, già spenti dall'euforia di ieri e tornati a navigare sotto la parità a causa delle prolungate tensioni commerciali tra Cina e Stati Uniti.
L'Euro / Dollaro USA è sostanzialmente stabile e si ferma su 1,122. Nessuna variazione significativa per l'oro, che scambia sui valori della vigilia a 1.296,7 dollari l'oncia. Perde terreno il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che scambia a 61,07 dollari per barile, con un calo dell'1,15%.

Avanza di poco lo spread, che si porta a +286 punti base, evidenziando un aumento di 5 punti base, con il rendimento del BTP a 10 anni pari al 2,76%.

Tra i listini europei si muove sotto la parità Francoforte, evidenziando un decremento dello 0,36%, trascurata Londra, che resta incollata sui livelli della vigilia, e contrazione moderata per Parigi, che soffre un calo dello 0,52%.

A Piazza Affari, il FTSE MIB è in calo (-0,72%) e si attesta su 20.743 punti; sulla stessa linea, depressa il FTSE Italia All-Share, che scambia sotto i livelli della vigilia a 22.672 punti. Consolida i livelli della vigilia il FTSE Italia Mid Cap (-0,17%), come il FTSE Italia Star (0,1%).

Si distinguono a Piazza Affari i settori alimentare (+0,76%), beni per la casa (+0,66%) e tecnologia (+0,58%).

Tra i più negativi della lista del listino azionario italiano, troviamo i comparti bancario (-1,71%), automotive (-1,08%) e petrolio (-0,88%).

Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, acquisti a piene mani su Ferragamo, che vanta un incremento del 9,43%.

Diasorin avanza dell'1,06%.

Si muove in territorio positivo Italgas, mostrando un incremento dell'1,03%.

Composta Campari, che cresce di un modesto +0,83%.

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Pirelli, che prosegue le contrattazioni a -2,32%.

Sotto pressione Saipem, con un forte ribasso del 2,08%.

In apnea Prysmian, che arretra del 2,07%.

Soffre BPER, che evidenzia una perdita dell'1,98%.

Tra i protagonisti del FTSE MidCap, Datalogic (+9,31%), Gima TT (+6,25%), Falck Renewables (+2,89%) e Mediaset (+2,46%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su Maire Tecnimont, che ottiene -5,48%.

Tonfo di Biesse, che mostra una caduta del 2,65%.

Lettera su Banca MPS, che registra un importante calo del 2,61%.

Preda dei venditori Credito Valtellinese, con un decremento dell'1,92%.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.