Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Lunedì 27 Maggio 2019, ore 07.39
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Giappone, appello del Premier Abe: "Assumere gli anziani"

Il Governo giapponese esorta le aziende del Paese a mantenere in organico i propri impiegati almeno fino a 70 anni di età per sopperire alla crisi di manodopera

Economia ·
(Teleborsa) - Per tentare di porre rimedio alla grave carenza di forza lavoro con cui si confronta la nazione ormai da tempo, il Governo giapponese esorta le aziende del Paese a mantenere in organico i propri impiegati almeno fino a 70 anni di età.

E proprio in quest'ottica, l'esecutivo guidato dal Premier Shinzo Abe ha intenzione di fornire assistenza alle imprese che offrono occupazione ai pensionati, anche attraverso la formazione di nuove società, e tramite il lavoro freelance. "Credo che sia necessario fornire una serie di opzioni al personale esperto, anche se in età avanzata", ha detto Abe, nel corso della sua partecipazione a un convegno sulle Politiche del Lavoro.

Allo stato attuale, infatti, assicurare una forza lavorativa adeguata è considerata una priorità assoluta per l'esecutivo conservatore, alle prese con le spese insostenibili dello stato sociale, sul quale continua a pesare, e non poco, un problema demografico senza soluzione.

In Giappone, molte aziende fissano l'età della pensione a 60 anni, ma per legge gli impiegati possono continuare a lavorare fino a 65 anni di età, manifestandone volontà.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.