Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Sabato 24 Agosto 2019, ore 08.53
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Mercati cauti. Milano si allinea

Sosta sulla parità la Borsa di Milano, con il FTSE MIB che si attesta a 22.216 punti

Commento, Finanza ·
(Teleborsa) - Si muove con cautela la seduta finanziaria odierna delle borse europee, così come Piazza Affari, con gli investitori che sembrano voler deliberatamente ignorare il deludente dato del PIL della Cina, che nel 2° trimestre ha registrato la crescita più lenta degli ultimi 27 anni.

Sotto i riflettori sempre le Banche Centrali, mentre aumentano le probabilità di un taglio del costo del denaro da parte della Fed nell'incontro di fine mese.

Nessuna variazione significativa per l'Euro / Dollaro USA, che scambia sui valori della vigilia a 1,127. L'Oro riporta una variazione pari a +0,09%. Il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) è sostanzialmente stabile su 60,21 dollari per barile.

Sui livelli della vigilia lo spread, che si mantiene a +195 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona all'1,68%.

Tra le principali Borse europee piccoli passi in avanti per Francoforte, che segna un incremento marginale dello 0,23%, poco mossa Londra, che mostra un -0,01%, invariata Parigi, che riporta un misero -0,13%.

Sosta sulla parità la Borsa di Milano, con il FTSE MIB che si attesta a 22.216 punti; sulla stessa linea il FTSE Italia All-Share, che rimane a 24.189 punti. Sulla parità il FTSE Italia Mid Cap (+0,12%); guadagni frazionali per il FTSE Italia Star (+0,58%).

In luce sul listino milanese i comparti sanitario (+1,39%), automotive (+0,96%) e costruzioni (+0,88%).

In fondo alla classifica, sensibili ribassi si manifestano nel comparto bancario, che riporta una flessione di -0,79%.

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Amplifon (+1,94%), Recordati (+1,84%) dopo l'accordo con Novartis, Azimut (+1,48%) e Pirelli (+1,37%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su UBI Banca, che prosegue le contrattazioni a -2,03%.

Vendite su Fineco, che registra un ribasso dell'1,42%.

Seduta negativa per Banco BPM, che mostra una perdita dell'1,33%.

Sotto pressione Ferragamo, che accusa un calo dell'1,24%.

Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, Banca Ifis (+4,61%), Falck Renewables (+2,94%), RCS (+2,62%) e Reply (+1,92%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su Banca MPS, che continua la seduta con -2,64%.

Scivola Ivs Group, con un netto svantaggio dell'1,67%.

In rosso Credem, che evidenzia un deciso ribasso dell'1,48%.

Spicca la prestazione negativa di Rai Way, che scende dell'1,47%.

Giornata importante sia per Banca Carige sia per Astaldi.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.