Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Sabato 7 Dicembre 2019, ore 00.51
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Eurolistini e Piazza Affari in negativo

A pesare è lo stallo sui negoziati commerciali tra USA e Cina. Non aiuta anche il dato sulle esportazioni giapponesi che a giugno sono scese del 6,7% su base annua, facendo peggio delle previsioni

Commento, Finanza ·
(Teleborsa) - Giornata debole per Piazza Affari e le altre principali Borse europee, che seguono la scia negativa disegnata dai mercati americani e asiatici. A pesare è lo stallo sui negoziati commerciali tra USA e Cina. Non aiuta anche il dato sulle esportazioni giapponesi che a giugno sono scese del 6,7% su base annua, facendo peggio delle previsioni.

L'Euro / Dollaro USA continua la seduta sui livelli della vigilia, riportando una variazione pari a +0,1%. Sessione debole per l'oro, che scambia con un calo dello 0,42%. Il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) continua la seduta poco sotto la parità con una variazione negativa dello 0,33%.

Sulla parità lo spread, che rimane a quota +193 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona all'1,59%.

Tra i mercati del Vecchio Continente soffre Francoforte, che evidenzia una perdita dello 0,94%. Discesa modesta per Londra, che cede lo 0,68% seguita da Parigi, con un calo frazionale dello 0,63%. Sessione debole per il listino milanese, che scambia con un calo dello 0,33% sul FTSE MIB.

Apprezzabile rialzo (+0,57%) a Milano per il comparto utility, con in evidenza Snam (+0,95%), Enel (+0,72%) e Terna (+0,66%).

Tra i più negativi della lista di Piazza Affari, troviamo i comparti materie prime (-1,29%), vendite al dettaglio (-1,23%) e beni industriali (-0,96%).

Preda dei venditori, invece, Prysmian, con un decremento dell'1,69%. Giù anche Juventus, che soffre un calo dell'1,45%.

Vendite su UBI Banca, che registra un ribasso dell'1,39%.

Tra i protagonisti del FTSE MidCap, Brunello Cucinelli (+1,46%) e Aeroporto di Bologna (+0,87%). Le più forti vendite, invece, si manifestano su Salini Impregilo, che prosegue le contrattazioni a -3,67%.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.