Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Domenica 25 Agosto 2019, ore 00.30
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Fondazione FS, Cantamessa a TLB: 20 luglio 1939 giorno storico per l'Alta Velocità

Ottant'anni fa durante una corsa speciale Firenze-Milano superata Bologna l'ETR 212 raggiunse i 203 km/h tra Pontenure e Piacenza stabilendo una serie di record

Economia, Trasporti ·
(Teleborsa) - Ottant'anni fa, nel campo dell'Alta Velocità ferroviaria, avveniva qualcosa di importantissimo. Per molti anni è rimasto nell'alveo delle conoscenze degli addetti ai lavori, ma per la storia e l'ingegneria ferroviaria dell'Alta Velocità Nazionale è stato veramente un momento cruciale. Era il 20 luglio del 1939 e su disposizione del Governo fu incaricata la Direzione Generale delle Ferrovie dello Stato per una corsa speciale di ,prova con un ETR 200, per l'esattezza il "212", tra Firenze Santa Maria Novella e Milano Centrale.

A quel tempo l'ETR, acronimo di Elettro Treno Rapido, nuovissimo, realizzato da poco dagli stabilimenti della Breda di Sesto San Giovanni, percorse la tratta di 316 chilometri in 1 ora e 55 minuti. L'ingegner Luigi Francesco Cantamessa Armati, Direttore Generale della Fondazione FS, ricorda a Teleborsa l'eccezionale prestazione dell'elettrotreno vero promotore dell'Alta Velocità ferroviaria e degli attuali Frecciarossa.


"L'ETR 200, questo bolide, partì con una corsa prova tra Firenze e Milano. La linea fu sovralimentata per l'occasione dai 3 ai 4 mila Volt in corrente continua, furono dispiegati agenti delle ferrovie lungo centinaia di chilometri. Il treno partì in quella caldissima mattina di luglio e scollinò l'appennino lungo la grande galleria di valico. Ma la grande prestazione velocista, che avrebbe consegnato l'ETR 200 alle glorie del mondo avvenne nella Pianura Padana, tra le stazioni di Pontenure e Piacenza.
Pontenure, una piccola località sconosciuta ai più, sarebbe diventata il luogo della più alta velocità ferroviaria raggiunta. Fu proprio lì, che il treno superò i fatidici 200 km orari arrivando a 203 km orari, raggiungendo quindi il massimo che un treno in velocità commerciale poteva raggiungere sulle reti tradizionali.

Da lì è un successo. L'ETR 200 fu caricato a Genova sul transatlantico Rex, anch'esso orgoglio della marineria italiana, gia’ detentore del "Nastro Azzurro", riconoscimento per la più veloce traversata Gibilterra-New York, per andare all'esposizione universale di New York, e da lì, fino alla Guerra oramai imminente garantì i primi servizi rapidi.

Questa non è celebrazione del passato, i 300 km orari che ogni giorno le nostre Frecce raggiungono sui binari dell'alta velocità attingono da questo sapere, prendono da questa esperienza, riprendono i miglioramenti di questo elettrotreno rapido che gli italiani, nel 1939, portano sopra i 200 km orari".


Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.