Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Domenica 22 Settembre 2019, ore 16.09
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Scuola, il decreto Istruzione arriva in CdM

Economia ·
(Teleborsa) - Salvare un precario su tre e approvare disposizioni che lasceranno in vita l'attuale situazione di emergenza: questo secondo ANIEF dovrebbe portare il decreto che il Governo potrebbe esaminare il 9 agosto, che non contempla le indicazioni della Commissione UE sulle disposizioni da adottare per non discriminare i precari.

Si evidenzia un percorso abilitante speciale, rivolto solo a chi ha svolto tre anni di supplenze in qualunque istituto, riservato a docenti con tre anni di servizio negli ultimi otto di cui uno nella classe di concorso a cui chiese di partecipare. Dovrebbe arrivare il via libera al concorso straordinario per diplomati e laureati in Scienze della Formazione primaria per far completare l'anno scolastico con contratto fino al 30 giugno 2020. Spazio poi alla proroga delle graduatorie del concorso a cattedra 2006, oltre alla proposta di mobilità nazionale volontaria dei docenti. In forse, infine, la norma che cancellerebbe la prova Invalsi sia per la terza classe della secondaria di I grado che per la quinta della secondaria di II grado.

Secondo Marcello Pacifico, Presidente nazionale ANIEF, "le disposizioni urgenti erano ben altre. Per fare incontrare i posti vacanti con le candidature, superando gli attuali vincoli provinciali, sarebbe stato utile predisporre delle graduatorie nazionali su tutte le regioni dove ci sono i posti privi di insegnante titolare. Occorrerebbe anche liberare la scuola dal fardello dell'organico di fatto, portando in organico di diritto tutti gli attuali posti oggi utili solo a rimpolpare la "supplentite", oltre che riavviare il doppio canale di reclutamento, salvare tutti i precari con oltre 36 mesi e idonei dei concorsi, nessuno escluso".

Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.