Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Giovedì 17 Ottobre 2019, ore 22.14
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Scuola, proposta introduzione educazione civica presentata troppo tardi

Si esprime sul punto il leader del sindacato ANIEF, che punta il dito sul taglio delle ore di insegnamento

Economia, Scuola ·
(Teleborsa) - Il Ministro dell'Istruzione, Marco Bussetti ha inviato un decreto al CSPI, l'organo di supporto tecnico-amministrativo del Miur, per l'avvio dello studio obbligatorio dell'educazione civica nell'anno scolastico 2019/2020. Sarà espressa una procedura d'urgenza per poter procedere alla firma, ma il Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione ha fatto sapere che non ha alcuna intenzione di riunirsi a breve.

Troppo tardi è stata presentata la legge, sforando il 16 agosto scorso, termine per vedere pubblicata la legge in Gazzetta Ufficiale per permetterne l'adozione a partire dal prossimo 1° Settembre. Ne ha parlato anche il Presidente di ANIEF, Marcello Pacifico, dichiarando: "Questa norma sembra avere effetti più mediatici che pedagogici, il primo errore è stato togliere ore all'insegnamento per far spazio all'educazione civica".

"Inoltre - continua Pacifico - si è deciso di lasciare la decisione riguardo chi avrà le 33 ore di lezione annue ai Collegi dei docenti. Cosa accadrà se nell'organico dell'autonomia non ci sono docenti che hanno competenze per insegnare la materia che non può essere improvvisata?".
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.