Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Giovedì 17 Ottobre 2019, ore 15.15
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Governo PD-M5s: giuramento oggi alle 10.00. Conte: "Renderemo Italia migliore"

Il Premier: "Forti di un programma che guarda al futuro dedicheremo le nostre migliori energie e la nostra passione a rendere l'Italia migliore nell'interesse di tutti i cittadini'

Economia, Politica ·
(Teleborsa) - Sta per calare definitivamente il sipario sulla crisi d'agosto aperta da Matteo Salvini: il Governo giallorosso, targato Pd-M5s, scalda i motori, pronto a entrare nella pienezza dei suoi poteri. Nella giornata di ieri Giuseppe Conte si è recato al Colle dove ha sciolto la riserva e sottoposto al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella la lista dei ministri.

Oggi, giovedì 5 settembre alle 10.00, il Premier e i 21 ministri (14 uomini e 7 donne, 10 M5s, 9 Pd, 1 di Leu, un tecnico) giureranno al Quirinale, poi si terrà la prima riunione dell'esecutivo. Nei prossimi giorni verranno nominati tutti gli altri sottosegretari e i viceministri. Lunedì sarà votata la fiducia alla Camera, il giorno dopo sarà la volta del Senato. "Dedicheremo le nostre migliori energie, le nostre competenze, la nostra passione a rendere l'Italia migliore nell'interesse di tutti i cittadini", ha spiegato Conte.

Squadra, dunque, ufficialmente formata. Tra i Ministri, Luciana Lamorgese, ex Prefetto di Milano, al Viminale, Di Maio agli Esteri, Bonafede confermato alla Giustizia. L'erede di Tria sarà Roberto Gualtieri, atteso da un battesimo di fuoco: la prossima Legge di Bilancio con il neo ministro che dovrà muoversi, con estrema cautela, tra vincoli Ue e rilancio della crescita - tappa obbligata, la sterilizzazione delle clausole di salvaguardia - in un contesto di stagnazione per l'Italia e rallentamento del Pil globale.

Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.