Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 12 Novembre 2019, ore 21.48
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

In recupero la Borsa di Milano e gli altri mercati europei

Nonostante perdurino le preoccupazioni per un rallentamento dell'economia sia Piazza Affari sia gli altri listini europei chiudono la sessione in positivo

Commento, Finanza ·
(Teleborsa) - Nonostante siano ancora persistenti le preoccupazioni sul rallentamento dell'economia mondiale - presagito da diversi dati macro provenienti sia dal Vecchio Continente sia dagli States- ed accese le titubanze per un mancato accordo commerciale tra Pechino e Washington, i principali mercati di Eurolandia chiudono in positivo.

Sulla stessa scia rialzista il FTSE MIB. Stabile sulla piazza di New York lo S&P-500.

L'Euro / Dollaro USA mantiene la posizione sostanzialmente stabile su 1,099. Sessione debole per l'oro, che scambia con un calo dello 0,22%. Forte rialzo per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che mette a segno un guadagno dell'1,78%.

Invariato lo spread, che si posiziona a +142 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si attesta allo 0,84%.

Tra i mercati del Vecchio Continente sostanzialmente tonico Francoforte, che registra una plusvalenza dello 0,60%, guadagno moderato per Londra, che avanza dello 0,61%, e piccoli passi in avanti per Parigi, che segna un incremento marginale dello 0,54%.

Lieve aumento per la Borsa Milanese, con il FTSE MIB che sale dello 0,69% a 21.618 punti, proseguendo la serie di tre rialzi consecutivi, iniziata giovedì scorso; sulla stessa linea, il FTSE Italia All-Share procede a piccoli passi, avanzando a 23.539 punti. In frazionale progresso il FTSE Italia Mid Cap (+0,2%), come il FTSE Italia Star (0,5%).

Risultato positivo a Piazza Affari per i settori sanitario (+1,52%), viaggi e intrattenimento (+1,33%) e petrolio (+1,15%).

Il settore chimico, con il suo -0,71%, si attesta come peggiore del mercato.

Tra i best performers di Milano, in evidenza Amplifon (+3,45%), Saipem (+3,08%), Poste Italiane (+2,76%) e UBI Banca (+2,28%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Nexi, che prosegue le contrattazioni a -1,17%.

Sostanzialmente debole Diasorin, che registra una flessione dello 0,66%.

Si muove sotto la parità Ferragamo, evidenziando un decremento dello 0,58%.

Contrazione moderata per Leonardo, che soffre un calo dello 0,53%.

Tra i migliori titoli del FTSE MidCap, Saras (+3,07%), Piaggio (+2,53%), Italmobiliare (+2,49%) e Tinexta (+2,22%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Falck Renewables, che prosegue le contrattazioni a -1,49%.

In rosso Brunello Cucinelli, che evidenzia un deciso ribasso dell'1,43%.

Spicca la prestazione negativa di Carel Industries, che scende dell'1,42%.

Sesa scende dell'1,26%.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.