Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 21 Gennaio 2020, ore 21.19
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Energia, Arera: "Ue, Italia e Balcani più vicini anche nel 2020"

Conclusa oggi a Roma la seconda edizione del progetto Know-How Exchange Programme (KEP). Saglia: “Con ingresso di Bulgaria e Macedonia del Nord nel 2020 ulterioriprospettive"

Economia, Energia ·
(Teleborsa) - Con l'ultimo dei 4 seminari tecnici si è conclusa oggi a Roma la seconda fase del Progetto KEP (Know-How Exchange Programme - central European Initiative Support for Strengthening Energy Regulatory Authorities in the Western Balkans).

Attivato da Arera all'interno del Programma InCe /BERS (Banca europea per laricostruzione e lo sviluppo) – su richiesta del Ministero degli esteri e della cooperazione internazionale(MAECI) e dell'Organizzazione internazionale l'Iniziativa Centro Europea (InCE) – il progetto, prevedeva una cooperazione tecnica con i regolatori di Albania, Montenegro e Serbia. Nella giornata di chiusura è stato annunciato per il 2020, il finanziamento di una nuova fase che comprenderà anche la Bulgaria e la Repubblica della Macedonia del nord.

Incentrato sull'implementazione di meccanismi di market coupling nei Paesi dell'area dei Balcani, per favorire la creazione di un mercato elettrico regionale e la sua integrazione con il mercato unico europeo (nel quadro del Western Balkans 6 Process), il progetto si è sviluppato dal 2017 ad oggi attraverso specifiche delibere di Arera e attraverso incontri periodici nei diversi Paesi. La fase finale del progetto si è concentrata sulle concrete misure che i regolatori balcanici dovranno adottare per conformarsi al quadro regolatorio Ue in materia di allocazione di capacità.

L'InCE – forum intergovernativo di cooperazione regionale, formato da 10 membri UE e 8 extra UE,che rappresenta per i Paesi aderenti non europei e appartenenti all'area balcanica un'opportunità per acquistare standard comunitari – ha comunicato in questa occasione che per il 2020 è stata accolta la nuova richiesta di finanziamento e che entreranno a far parte del progetto anche Macedonia del Nord e Bulgaria, considerando che il progetto di coupling ad ora esistente tra questi due Paesi potrebbe fornire ulteriori opportunità di scambio nei Balcani.

Alla cerimonia conclusiva – aperta e conclusa in rappresentanza del collegio di Arera rispettivamente da Clara Poletti e Stefano Saglia – hanno partecipato i rappresentanti dei Ministeri dello Sviluppo Economico e degli Affari Esteri, delle ambasciate, i gestori di rete e dei mercati dei Paesi beneficiari, i rappresentanti del mondo finanziario.

"Una nuova fase del progetto, confermata oggi per il 2020, consoliderà i risultati raggiunti fino ad ora e aggiungerà, con la partecipazione di Bulgaria e Macedonia del Nord, ulteriori prospettive in campo energetico per i Balcani. Il cavo di interconnessione tra Italia e Montenegro, recentemente inaugurato, è il simbolo di una nuova integrazione dei mercati energetici balcanici ed europei che non può che arricchirsi con progetti continuativi di scambio di informazioni, come il KEP" ha affermato Saglia.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.