Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Venerdì 17 Gennaio 2020, ore 14.17
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Scuola, Anief: Pacifico incontra il ministro Dadone

Al centro del colloquio il tema della precarietà ma anche organici, reclutamento e valorizzazione del personale della scuola, dell'università e della ricerca

Economia, Scuola ·
(Teleborsa) - Presentare il nuovo sindacato rappresentativo e apportare un contributo al tavolo aperto con le altre organizzazioni sindacali su come migliorare e cosa cambiare nella pubblica amministrazione per garantire un migliore servizio per i cittadini. Questo l'obiettivo dell'incontro che si è svolto ieri, a Palazzo Vidoni, tra il presidente dell'Anief Marcello Pacifico e il ministro per la Pubblica Amministrazione, Fabiana Dadone.

Organici, reclutamento, valorizzazione del personale della scuola, dell'università e della ricerca i temi affrontati nell'incontro. Al centro del colloquio, il tema della precarietà che – come sottolinea Anief in una nota – presenta "un tasso nella scuola che supera il 50% dell'intera funzione pubblica e il 100% nella ricerca".

Il presidente Anief ha ribadito la necessità nel rinnovo del prossimo contratto di rimuovere le norme che discriminano il lavoro svolto a tempo determinato nel rispetto dalla giurisprudenza euro-unitaria e nazionale, operazione di per sé che – secondo il sindacato – "porrebbe fine alla necessità per ragione di finanza pubblica di camuffare l'organico di diritto in organico di fatto, specialmente su posti di sostegno".

La delegazione Anief – continua la nota – ha manifestato la volontà di partecipare a tutti i tavoli a partire da quello del rinnovo del contratto fino alle contrattazioni integrative e ha ribadito la necessità di emendare sia l'attuale testo licenziato dalle Commissioni parlamentari di conversione del decreto legge n. 126/2019 sia il disegno di legge di bilancio 2020 per sconfiggere la supplentite e investire nella scuola e nell'università.

Al termine dell'incontro – sottolinea il sindacato – "si è registrata la comune volontà di approfondire i temi in maniera specifica e di trovare soluzioni il più possibile condivise".



Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.