Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Sabato 4 Aprile 2020, ore 04.43
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Coronavirus, la Gran Bretagna verso il lockdown

Londra chiede ai britannici all'estero di rientrare "finché ancora potete": contagi e vittime in aumento anche in Spagna e Francia

Economia, Salute e benessere ·
(Teleborsa) - Casi di coronavirus in aumento in tutta Europa, con possibili lockdown in vista come quello della Gran Bretagna, ormai sempre più vicina a una chiusura totale.

Londra ha infatti chiesto ai cittadini britannici di rientrare in patria prima al più presto perché nei prossimi giorni potrebbe non essere "più possibile".

È la raccomandazione del Foreign Office che conferma l'imminenza di un lockdown del Regno Unito, dove i contagi diagnosticati da coronavirus sono saliti a 6.650, circa 950 più di ieri, e i morti a 335 (più 54). "Se siete in vacanza all'estero, il tempo di tornare a casa è ora, finché ancora potete", ha avvertito il ministro degli Esteri, Dominic Raab.

Casi di coronavirus in aumento anche in Francia dove si sono registrati 3.838 positivi nelle ultime 24 ore, mentre i morti sono 186 in più. Lo ha reso noto il ministro della Salute, Olivier Véran, aggiungendo che il totale è ora di 19.856 contagi e 860 decessi, mentre oltre 2.000 i pazienti ricoverati in rianimazione.

Situazione analoga in Spagna dove sono almeno 33.089 i casi in totale, dei quali 2.355 in terapia intensiva. I morti sono 2.182, con un incremento di 462 vittime nelle ultime 24 ore: + 4.517 i contagiati rispetto a ieri, con un incremento del 14%, come hanno riferito le autorità sanitarie.

Allo stesso tempo "si va riducendo la percentuale dei pazienti in terapia intensiva". Inoltre, 'oltre il 10% dei contagiati sono stati dimessi", ha spiegato il direttore del centro di coordinamento emergenze del ministero Fernando Simon. "Ma c'è un altro dato che non ci piace: "3.310 operatori sanitari contagiati".

Terzo Paese per numero casi sono gli Stati Uniti dove i contagiati hanno superato i 40.000 casi: almeno 472 le vittime.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.