Martedì 1 Dicembre 2020, ore 18.14
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Private banking in Italia: sul podio ancora Intesa, Unicredit, Banca Generali

17esima edizione dell’indagine Magstat: primi posti per i più grandi istituti commerciali. Terza la banca dei consulenti guidata dall’Ad Gian Maria Mossa a conferma di una crescita pluriennale

Finanza ·
(Teleborsa) - Per gestire i propri soldi i risparmiatori italiani si affidano in maniera sempre più convinta a consulenti professionali. La conferma viene da Magstat Consulting, società specializzata nelle analisi dei portafogli e delle masse private, che ha presentato la sua ormai storica indagine sul mondo del private banking italiano, giunta alla 17esima edizione.



Il report ha scandagliato i numeri dei 268 operatori finanziari che offrono servizi di private banking e family office nel nostro Paese ed evidenzia che, al 31 dicembre 2019, il totale delle attività finanziarie gestite dai player censiti ammonta a 1.047 miliardi di euro suddivisi su almeno 1.376.207 clienti. Gli analisti Magstat stimano che il mercato italiano del private banking e dei family office valeva, a fine 2019, complessivamente 1.200 miliardi e presentava una quota non ancora raggiunta dai servizi di private banking pari al 12,8%. Emerge di conseguenza che la quota di mercato servita è dell’87,2% ed è in continua crescita dal momento che un anno fa (fine 2018) era pari a 944 miliardi di euro, ossia dell’84,3% del potenziale mercato.

Il report fa, dunque, riferimento a quanto successo nel mondo del private banking appena prima che il Covid si abbattesse sulle nostre vite e documenta di un settore in espansione che in ogni caso, come noto dai dati di raccolta di questi mesi, si conferma stabile malgrado l’avvento della pandemia. Uno status di salute che, anche stando ai dati raccolti sino a fine 2019, è merito degli operatori del settore i quali grazie alla propria rete di consulenti, si dimostrano costantemente al fianco alle famiglie italiane, supportandole nella pianificazione di azioni coerenti con i loro progetti di vita e aiutandole a proteggere il patrimonio dalle sfide che incombono sul risparmio.

L’indagine Magstat, numeri alla mano, mette in fila quali banche hanno conseguito i migliori risultati nel 2019. In cima ai 268 operatori troviamo lo stesso podio dello scorso anno. In tal senso, l’affermazione dell’emanazione private dei due colossi bancari del Paese è scontata: Intesa Sanpaolo gestisce 175,2 miliardi di masse, seguita da Unicredit con 108,1 miliardi. Meno scontata la riconferma al terzo posto di Banca Generali con 44,2 miliardi che rappresenta l’affermazione del modello di banche-reti come alternativa in ascesa nella gestione del patrimonio degli italiani. La società guidata dall’AD Mossa era arrivata sul podio delle maggiori realtà-private in Italia l’anno prima dopo una scalata impressionante negli ultimi anni. Basti pensare al fatto che nel 2013 la banca triestina non figurava nemmeno nella top ten di Magstat e nello stesso periodo ha quasi triplicato le masse complessive (ora oltre i 70 miliardi).

Che le reti di consulenza siano gli attori più dinamici nei servizi finanziari italiani non è una novità. L’osservatorio condotto dalla società di analisi IT Reply sul Wealth Management italiano fotografa infatti per il periodo tra il 2008 e il primo trimestre 2020 una vistosa accelerazione dei principali operatori. E anche qui il primato di "lepre" per crescita spetta ancora una volta a Banca Generali che ha visto aumentare gli asset under management del 464% (passando da 11,2 mld del 2008 ai dati attuali) e migliorando anche del 273% il rapporto tra masse e numero di consulenti.

Tornando alla classifica Magstat i primi posti della griglia si completano con UBI Banca e Bnl Bnp Paribas che si posizionano davanti a Fineco, Deutsche Bank e UBS.

Parte da qui l’attesa per l’indagine 2021 che certamente sarà una nuova, attendibile cartina di tornasole per capire come questo periodo segnato dalla pandemia avrà impattato sul mondo del private banking. E per verificare se, ancora una volta, il mondo dei consulenti avrà saputo conquistare una fetta di quel 12,8% di quota di mercato non servito che ad oggi gli analisti di Magstat vedono disponibile, ossia 153 miliardi di euro.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.