Facebook Pixel
Mercoledì 4 Agosto 2021, ore 01.42
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

BCE conferma orientamento accomodante: tassi ai minimi e accelerazione acquisti PEPP

Finanza ·
(Teleborsa) - La BCE conferma l’orientamento molto accomodante della sua politica monetaria, confermando tassi di interessi ai minimi storici, il piano anti-pandemico PEPP e le altre misure di quantitative easing.



Il Consiglio direttivo guidato da Christine Lagarde ha deciso con confermare i tassi di interesse ai minimi storici, mantenendo quelli principali (Repo) a zero, quello sulle operazioni di rifinanziamento marginale a 0,25% e quelli sui depositi a -0,50%. Il Board conferma anche che i tassi di interesse resteranno sui livelli attuali "finché non vedrà le prospettive di inflazione convergere saldamente su un livello sufficientemente prossimo ma inferiore al 2% nel suo orizzonte di proiezione e tale convergenza non si rifletterà in maniera coerente nelle dinamiche dell’inflazione di fondo".

Confermati anche gli acquisti nell'ambito del Piano per l’emergenza pandemica (PEPP), che ha una dotazione finanziaria totale di 1.850 miliardi di euro ed una validità sino alla fine di marzo 2022. La BCE conferma che il Piano resterà in vigore "in ogni caso, finché non riterrà conclusa la fase critica legata al coronavirus" e che il capitale rimborsato sui titoli in scadenza nel quadro del PEPP sarà reinvestito almeno sino alla fine del 2023. "In ogni caso, la futura riduzione del portafoglio del PEPP sarà gestita in modo da evitare interferenze con l’adeguato orientamento di politica monetaria".

Gli acquisti nell'ambito del PEPP - sottolinea - saranno condotti nel prossimo trimestre "a un ritmo significativamente più elevato rispetto ai primi mesi dell’anno", seppur "in maniera flessibile in base alle condizioni di mercato, allo scopo di evitare un inasprimento delle condizioni di finanziamento". L'Eurotower ritiene che "la flessibilità degli acquisti nel tempo, fra le varie classi di attività e i vari paesi continuerà a sostenere l’ordinata trasmissione della politica monetaria" e che "non sarà necessario utilizzare appieno tutta la dotazione", in caso di condizioni favorevoli, ma sarà anche possibile "ricalibrarla per preservare condizioni di finanziamento favorevoli che contribuiscano a contrastare lo shock negativo della pandemia sul profilo dell’inflazione".

L'Istituto di Francoforte mantiene anche gli acquisti nell’ambito del Programma di acquisto di attività (PAA) a un ritmo mensile di 20 miliardi di euro. Una misura che verrà confermata "finché necessario a rafforzare l’impatto di accomodamento dei suoi tassi di riferimento e che terminerà poco prima che inizierà a innalzare i tassi di riferimento della BCE". Il Consiglio intende inoltre continuare a reinvestire, integralmente, il capitale rimborsato sui titoli in scadenza nel quadro del PAA per un prolungato periodo di tempo successivamente alla data in cui inizierà a innalzare i tassi di interesse di riferimento della BCE, e in ogni caso finché sarà necessario per mantenere condizioni di liquidità favorevoli e un ampio grado di accomodamento monetario.

Infine, il Consiglio direttivo continuerà a fornire abbondante liquidità attraverso le sue operazioni di rifinanziamento." La liquidità ottenuta tramite la terza serie di operazioni mirate di rifinanziamento a più lungo termine (OMRLT-III) - si sottolinea - svolge un ruolo cruciale nel sostenere il credito bancario alle imprese e alle famiglie".

La BC Esi dice infine "pronta ad adeguare tutti i suoi strumenti, ove opportuno, per assicurare che l’inflazione si avvicini stabilmente al livello perseguito, in linea con il suo impegno alla simmetria".

Si attende ora la conferenza stampa della Presidente Christine Lagarde.

Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.