Facebook Pixel
Martedì 26 Ottobre 2021, ore 20.30
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

BCE, per analisti solo timida svolta: ancora qualche mese per vere intenzioni

Finanza ·
(Teleborsa) - La decisione della Banca centrale europea (BCE) di ridurre il ritmo degli acquisti del programma PEPP (Programma di acquisto per l'emergenza pandemica) era stata ampiamente annunciata dai funzionari dell'istituzione di Francoforte nelle ultime settimane, e infatti ieri il mercato non è stato mosso dagli annunci della BCE. Per la maggior parte degli analisti, le parole della presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde non sono state particolarmente significative, e bisognerà aspettare ancora qualche mese per conoscere le vere intenzione dei banchieri centrali dell'area euro.

"Coloro che pensavano che la BCE avrebbe sorpreso il mercato con un annuncio da "falco" (visto che alcuni falchi all'interno del Consiglio Direttivo hanno alzato la voce) probabilmente dovranno aspettare ancora qualche mese per sentire in che modo abbia intenzione di uscire dal PEPP e "aggiustare" il programma APP senza scuotere troppo il mercato", ha osservato Annalisa Piazza, Fixed Income Research Analyst di MFS IM. "Gli acquisti di APP sono attualmente di 20 miliardi di euro al mese, e sospettiamo che - andando avanti - potrebbero salire a circa 40 miliardi di euro dal secondo trimestre del prossimo anno, poiché l'offerta lorda ancora elevata in tutte le principali economie dell'UEM dovrà essere parzialmente assorbita per evitare un taper tantrum ingiustificato (che minerebbe la trasmissione dell'accomodamento politico passato, la crescita e l'inflazione)", ha aggiunto.

"La decisione suggerisce che l'acquisto settimanale nel programma PEPP scenderà dalla media attuale di 18 miliardi di euro a settimana, ma rimarrà al di sopra della media del primo trimestre pari a 15 miliardi di euro - ha commentato Martin Wolburg, Senior Economist di Generali Investments - Poiché l'offerta di obbligazioni tende a diminuire nel quarto trimestre, interpretiamo la decisione semplicemente come un segnale che la svolta della politica monetaria è iniziata, ma che sarà condotta con molta cautela".



"Salvo uno shock improvviso alle prospettive di inflazione e crescita, ci aspettiamo un'ulteriore riduzione del programma PEPP nel primo trimestre del 2022 e la sua scomparsa nel secondo trimestre - ha detto Reto Cueni, Chief Economist di Vontobel - Inoltre, ci aspettiamo che la BCE compensi la scadenza del PEPP con un aumento degli acquisti nel programma APP tradizionale (o uno nuovo). Ci aspettiamo che questo si traduca in acquisti di attività della BCE di circa 30-40 miliardi al mese entro la metà del 2022".

"Tralasciando le notizie sugli acquisti di asset c'è stato probabilmente un cambiamento più significativo nella caratterizzazione della ripresa e dei rischi nel discorso introduttivo - ha affermato - ha detto Andrew Mulliner, Head of Global Aggregate di Janus Henderson Investors - Era da un po' che la BCE non parlava di potenziali rischi al rialzo per l'inflazione, tuttavia le dichiarazioni si riferivano esplicitamente alle persistenti pressioni sui prezzi come un rischio al rialzo e le previsioni dello staff sono state riviste al rialzo su tutta la linea. Mentre la BCE si aspetta che gli attuali tassi di inflazione superiori all'obiettivo siano transitori e prevede un'inflazione all'1,5% per quanto riguarda l'inflazione core e headline nel 2023 (ancora molto al di sotto del loro nuovo obiettivo del 2%), per una volta i falchi del consiglio sembrano guadagnare una maggiore influenza nel calcolo dei rischi".
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.