Facebook Pixel
Venerdì 28 Gennaio 2022, ore 01.09
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Enel, Starace: "Pronti a cambio di passo. Iniziato decennio elettrificazione"

Entro 2040 elettricità vendita sarà 100% rinnovabile. Confermato abbandono carbone al 2027 e gas al 2040

Energia, Finanza ·
(Teleborsa) - Nel decennio in corso Enel punta ad un "cambio di passo" che consenta il passaggio dal Decennio della scoperta dell'energia rinnovabile al Decennio dell'elettrificazione. Lo ha spiegato l'Amministratore delegato del Gruppo Francesco Starace durante la conference call per la presentazione del Piano strategico 2022-2024 e del piano di lungo periodo al 2030.

"È chiaro che il prossimo decennio sarà un decennio cruciale per raggiungere gli obiettivi dell'Accordo di Parigi e per evitare le ripercussioni legate ad un aumento della temperatura superiore a 1,5 gradi", ha sottolineato il manager, aggiungendo che questo implica "intensificare l'elettrificazione in modo massiccio" per poter raggiungere gli obiettivi climatici.

Il manager ha sottolineato che, nel corso dello scorso decennio, le rinnovabili sono diventate il trend dominante che ha consentito alla decarbonizzazione di procedere a "ritmo più spedito" ed il Gruppo ha "messo i mattoni" che ora permettono di cogliere le opportunità di questo decennio. Enel punta ad abbandonare il carbone entro il 2027 ed il gas entro il 2040, sostituendo il portafoglio termoelettrico con nuova capacità rinnovabile, oltre a realizzare l'ibridazione delle rinnovabili con soluzioni di accumulo. Entro il 2040 l'elettricità venduta sarà interamente prodotta da fonti rinnovabili ed il Gruppo cesserà l'attività di vendita retail di gas.



"Enel Green Power è stata concepita per diventare la spina dorsale della generazione futura", ha affermato Starace, ricordando che il pano punta alla crescita della capacità rinnovabile complessiva al 2030 a circa 154 GW, triplicando il suo portafoglio al 2020 (+105 GW aggiuntivi rispetto ai 49 GW del 2020).

Starace ha poi citato la semplificazione organizzativa, sottolineando che "darà una accelerata a questo cambiamento". Un cambiamento che si concentra - ha ricordato - sull'elettrificazione dei consumi, sulla centralità del cliente, sull'anticipazione dell'obiettivo Net Zero al 2040.

"Il nostro piano - ha concluso - di basa su un contesto solidissimo che ci consente di creare valore per gli azionisti", ha detto l'Ad ricordando che la politica dei dividendi è "semplice, prevedibile e interessante" e prevede un dividendo fisso garantito di 0,38 euro del 2021, 0,40 euro nel 2022 e 0,43 euro nel 2023 e 2024. Tali dividendi potrebbero essere rivisti al rialzo, on al ribasso, ed offrono un total return del 13% che "rompe con il passato e dà certezza".
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.