Facebook Pixel
Giovedì 19 Maggio 2022, ore 20.19
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Allarme presidi per rientro in presenza. La replica di Bianchi: "Nessun ripensamento"

Economia, Scuola ·
(Teleborsa) - "Nessun ripensamento sul ritorno a scuola in presenza". Così il Ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi ha risposto alle sollecitazioni dei presidi, che chiedevano 2-3 settimane di Dad per mettere in piedi un programma di ripresa delle lezioni in presenza che garantisse anche la sicurezza di studenti lavoratori della scuola.

L'appello era stato firmato da circa 1.500 presidi, che definivano la situazione "ingestibile" e chiedevano più tempo per finalizzare le vaccinazioni dei più giovani, partite nel periodo natalizio. Fra le altre proposte quella di garantire mascherine Ffp2 a tutti e programmare una massiccia campagna di testing.

"Siamo molto attenti a voci che ci arrivano dal Paese, ma anche dalle tante voci che ci dicono che la scuola debba restare in presenza", ha detto Bianchi, aggiungendo "abbiamo valorizzato l'autonomia dei dirigenti scolastici. Ma non si dica che vogliamo scaricare loro la responsabilità. Anzi, la responsabilità deve essere di tutti noi, non solo nella scuola".



Anche il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri è intervenuto sulla ripartenza delle scuole, assicurando la ripresa in sicurezza. "Sappiamo che a scuola i contagi possono avvenire con più facilità perché minore è la popolazione vaccinata - ha sottolineato - ma minori sono anche i danni e con mascherine, distanziamento e quarantena credo che la situazione sarà sotto controllo".

Preoccupato il presidente della fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta, secondo cui "non si può continuare con lo slogan 'niente Dad, scuola sicura', perché questo di fatto non è possibile in un momento di circolazione di un virus che raddoppia i casi ogni due giorni".
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.