Facebook Pixel
Mercoledì 17 Agosto 2022, ore 09.40
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

BCE, de Guindos: affronteremo frammentazione con tutele per prevenire azzardo morale

Finanza ·
(Teleborsa) - "È fondamentale che le condizioni di finanziamento si muovano sostanzialmente in sincronia nell'area euro quando la BCE varia la sua politica. Per due imprese ugualmente solide, un cambiamento nell'orientamento della politica monetaria dovrebbe portare a una reazione simile nelle loro condizioni di finanziamento, indipendentemente dal paese in cui sono domiciliate. In caso contrario, reagiremo per prevenire la frammentazione, con adeguate tutele per prevenire l'azzardo morale". Lo ha affermato Luis de Guindos, vicepresidente della BCE, sottolineando che prevenire la frammentazione consente a Francoforte di adeguare la propria posizione di politica monetaria al ritmo appropriato e di stabilizzare l'inflazione all'obiettivo.

Il riferimento all'azzardo morale potrebbe essere collegato all'aspettativa di alcuni paesi rispetto al fatto che la BCE non possa negare a nessuno l'intervento esterno di fronte all'emergenza. "Cambiamenti nelle condizioni di finanziamento che vanno oltre il livello giustificato da fattori fondamentali pregiudicano il raggiungimento dell'obiettivo" di stabilità dei prezzi, ha sottolineato l'economista spagnolo durante un intervento al Frankfurt Euro Finance Summit.



"È naturale che i rendimenti sovrani differiscano in qualche modo tra i paesi dell'area euro, a causa di fattori idiosincratici, come il rapporto debito pubblico/PIL, deficit di bilancio o tassi di crescita di lungo periodo - ha spiegato de Guindos - Tuttavia, a volte i rendimenti possono divergere rapidamente dai fondamentali economici. Un'eccessiva divergenza rende le condizioni del credito incompatibili con la trasmissione uniforme degli impulsi di politica monetaria e potrebbe causare instabilità finanziaria".

Il funzionario della BCE ha ricordato l'intenzione di aumentare i tassi di interesse chiave di 25 punti base durante la riunione di politica monetaria di luglio e di aumentarli nuovamente a settembre. L'entità dell'aumento dei tassi di interesse a settembre dipenderà dalle prospettive di inflazione a medio termine aggiornate; in particolare, se le prospettive di inflazione a medio termine persistono o peggiorano, sarà opportuno un incremento di oltre 25 punti base.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.