Facebook Pixel
Martedì 4 Ottobre 2022, ore 09.46
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

FMI, tagliate le stime di crescita globale: chance di recessione aumentate

Economia ·
(Teleborsa) - Il Fondo Monetario Internazionale ha tagliato le stime di crescita mondiali con un avvertimento: i rischi sono al ribasso e le chance di recessione aumentate. Sono "quasi il 15%" per le economie del G7, ovvero "quattro volte il livello usuale", e quasi "una su quattro per la Germania", ha spiegato l'istituzione internazionale. Per gli Stati Uniti "una recessione tecnica potrebbe già essere iniziata". Il PIL mondiale è atteso crescere quest'anno del 3,2% e del 2,9% nel 2023 (-0,4 e -0,7 punti percentuali rispetto ad aprile). Se i rischi legati all'Ucraina, all'inflazione e al Covid si materializzassero il mondo potrebbe rallentare al +2,6% nel 2022 e al +2,0% nel 2023, un livello toccato solo cinque volte dal 1970.

In particolare, Il PIL americano è atteso crescere quest'anno del 2,3%, ovvero 1,4 punti percentuali in meno rispetto alle stime di aprile, per poi segnare nel 2023 un +1,0% (-1,3 punti percentuali). Per l'area euro il Fondo prevede un +2,6% nel 2022 e un +1,2% nel 2023, rispettivamente -0,2 e -1,1 punti percentuali rispetto alle stime precedenti. La crescita di Stati Uniti e Europa potrebbe scivolare vicino allo zero nel 2023 nel caso in cui i rischi legati allo stop del gas russo e alla volata dell'inflazione si materializzassero.

Il FMI ha tagliate le stime di crescita anche di Germania, Francia e Gran Bretagna, e ha sottolineato che per Berlino c'è una chance su quattro di una recessione. La crescita tedesca è stata rivista all'1,2% nel 2022 e al +0,8% nel 2023 (rispettivamente -0,9 e -1,9 punti percentuali rispetto alle stime precedenti). Il PIL francese è atteso crescere del 2,3% quest'anno e dell'1,0% il prossimo (-0,6 e -0,4 punti percentuali), mentre quello britannico del 3,2% nel 2022 e dello 0,5% nel 2023 (-0,5 e -0,7 punti percentuali).

Dopo il +8,1% del 2021, il PIL cinese è atteso crescere del 3,3% nel 2022, ovvero 1,1 punti percentuali in meno rispetto alle stime precedenti, e del 4,6% nel 2023 (-0,5). L'economia russa si contrarrà invece meno del previsto quest'anno, con il pil che segnerà un -6%, ovvero ben 2,5 punti percentuali in più rispetto alle stime di aprile. Nel 2023 la Russia si contrarrà del 3,5%, ovvero 1,2 punti in più sulle previsioni precedenti.





(Foto: © ruskpp/123RF)
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.