Facebook Pixel
Milano 18-apr
0 0,00%
Nasdaq 18-apr
17.394,31 -0,57%
Dow Jones 18-apr
37.775,38 +0,06%
Londra 18-apr
7.877,05 +0,37%
Francoforte 18-apr
17.837,4 +0,38%

Villeroy e Nagel: BCE domerà inflazione, tassi continueranno a salire

Finanza
Villeroy e Nagel: BCE domerà inflazione, tassi continueranno a salire
(Teleborsa) - La spinta restrittiva della Banca centrale europea (BCE) finirà per domare la crescita dei prezzi che attualmente è cinque volte superiore al suo obiettivo. Lo hanno detto, parlando in un'intervista televisiva congiunta sul canale tedesco Phoenix, il presidente della Bundesbank Joachim Nagel e il governatore della Banca di Francia Francois Villeroy de Galhau.

"Riporteremo l'inflazione al 2% entro la fine del 2024 o del 2025 - ha detto Villeroy - Questa non è solo una previsione, una proiezione. È un impegno".

La BCE ha aumentato il costo del denaro di 200 punti base da luglio e si prepara ad aumentare nuovamente i tassi nella riunione di dicembre, di 50 o 75 punti base. I due banchieri centrali non si sono sbilanciati sull'entità del rialzo. "Avremo nuove proiezioni per il 2023, 2024 e per la prima volta per l'anno 2025. Questa sarà la base della nostra decisione - ha detto Nagel - È chiaro che gli aumenti dei tassi devono continuare". Alla domanda per quanto tempo aumenteranno i costi dei prestiti, Villeroy ha risposto "per tutto il tempo necessario".

In un'intervista separata, alla televisione LCI, il governatore della Banca di Francia ha detto: "Penso che sia auspicabile portare i tassi al 2%, quindi un aumento di 0,5 o 50 punti base".

Usando un'analogia con il calcio, Villeroy ha affermato che un aumento al 2% segnerà la fine del primo tempo per raggiungere una normalizzazione dei tassi in una partita che ha raggiunto un punto di svolta. "Nella seconda metà della partita, i tassi continueranno a salire, ma non posso dire dove si fermeranno", ha detto, aggiungendo che gli aumenti diventeranno più flessibili e a un ritmo più lento.

Sulla riduzione del bilancio, su cui i funzionari della BCE dovrebbero concordare le modalità nella riunione del 15 dicembre, ha affermato: "Penso che sarebbe saggio iniziare a ridurre nel 2023", aggiungendo che Francoforte dovrebbe iniziare con le cosiddette partecipazioni APP nella "prima metà dell'anno, in modo chiaro ma cauto e progressivo".
Condividi
```