Facebook Pixel
Milano 18-lug
0 0,00%
Nasdaq 18-lug
19.705 -0,48%
Dow Jones 18-lug
40.665 -1,29%
Londra 18-lug
8.205 +0,21%
Francoforte 18-lug
18.355 -0,45%

Export italiano di vini in crescita: +2,9% medio annuo, 8,5 miliardi di euro nel 2026

Le stime del Focus di approfondimento "Il vino, biglietto da visita del Made in Italy" a cura dell'Ufficio Studi SACE

Economia
Export italiano di vini in crescita: +2,9% medio annuo, 8,5 miliardi di euro nel 2026
(Teleborsa) - Per i prossimi tre anni l'export italiano di vino è atteso crescere a un ritmo medio annuo del 2,9% raggiungendo, nel 2026, gli 8,5 miliardi di euro. Nel 2023 le nostre esportazioni enologiche hanno registrato il valore di 7,8 miliardi di euro, in aumento del 20,8% rispetto al 2019, e hanno rappresentato più del 20% delle nostre vendite all'estero del settore alimentari e bevande. Sette bottiglie su 10 che varcano i nostri confini sono di vino, quasi 3 di spumante: i “soli” vini (esclusi quindi gli spumanti) rappresentano la quota maggiore di domanda estera grazie ai 5,4 miliardi di euro di vendite. I vini fermi rossi e rosé guidano l'export del settore (40% dell'export
complessivo), seguiti dagli spumanti (28,5%, quasi 10 p.p. in più rispetto al 2019). È quanto emerge dal Focus di approfondimento sull'export italiano relativo al settore vinicolo "Il vino, biglietto da visita del Made in Italy" a cura di Marina Benedetti, senior economist Ufficio Studi SACE.

Nel 2023 il primo mercato di sbocco dei vini italiani sono stati gli Stati Uniti, seguiti dalla Germania e dal Regno Unito; note positive arrivano anche da altre geografie a noi vicine, come Polonia, Repubblica Ceca, ma anche Croazia e Serbia. L'Italia è la seconda esportatrice di vino, con una quota del 20,9% sul valore dell'export mondiale, dopo la Francia (32,8%) e prima della Spagna (8,1%). Lo stimolo è quindi a continuare a lavorare non solo sulla qualità, ma anche sulla promozione del brand.

Tra le nostre produzioni regionali, sono i vini veneti quelli più richiesti all'estero (36,3% dell'export italiano), seguiti da Piemonte (15,6%) e Toscana (15,2%).

Note positive per le esportazioni di vino italiano arrivano anche dalla domanda dei consumatori esteri: per quest'anno e il prossimo è atteso, infatti, un generale aumento dei consumi di vino (+2,3%). Se da un lato si conferma l'importanza di geografie dove il presidio
italiano è già forte – USA, Regno Unito e Germania su tutte – dall'altro emergono sempre più come mercati di opportunità Paesi come Giappone, Cina, Corea del Sud ed Emirati Arabi Uniti.

L'applicazione dell'intelligenza artificiale (IA) nel settore vinicolo offre numerosi vantaggi in termini di qualità, efficienza e sostenibilità della produzione. L'IA consente, infatti, non solo di monitorare e gestire il vigneto e regolare le condizioni di fermentazione, anche in ottica sostenibile e di riduzione dei costi, ma anche di prevenire le frodi e conoscere meglio le preferenze dei consumatori così da intercettarne la domanda in maniera più efficace ed efficiente.

SACE supporta le imprese del settore con le sue soluzioni assicurative e finanziarie che vanno dal supporto all'export al sostegno agli investimenti domestici, in particolare in sostenibilità e innovazione; in aggiunta SACE offre anche servizi di accompagnamento, formazione e business matching per aiutare le imprese a crescere in contatti, relazioni e know-how. SACE collabora con molte realtà del settore e della filiera, dalle imprese produttrici di vino a quelle che producono irrigatori, serre, macchinari connessi al processo produttivo, linee di
imbottigliamento e confezionamento.




(Foto: Hermes Rivera su Unsplash)
Condividi
```