Facebook Pixel
Milano 17:35
33.675,15 +1,37%
Nasdaq 17:47
19.909,21 0,00%
Dow Jones 17:47
38.928,24 +0,24%
Londra 17:35
8.272,46 +0,82%
Francoforte 17:35
18.254,18 +1,03%

ReBuild, Peloso, Register Valuer MRICS: L'impatto degli ESG e l'utilizzo della ESG Data List

Economia
ReBuild, Peloso, Register Valuer MRICS: L'impatto degli ESG e l'utilizzo della ESG Data List
(Teleborsa) - "Ho avuto il piacere di presentare un paper recentemente pubblicato, The Future of Valuation, The Impact of ESG, e la data list correlata. Questo lavoro è stato frutto di uno sforzo congiunto, non solo di Valuation Service Providers, ma anche di operatori finanziari, di associazioni e anche di regulators. All'interno di questo paper vengono individuati dei value drivers, risk drivers e cash flow drivers. Questi ultimi dipendono in buona sostanza dai primi due. La declinazione di questi elementi si è poi tradotta all'interno dell'ESG data list, che è un tool pratico che consigliamo di utilizzare sia ai valutatori sia ai fruitori dei lavori di valutazione, quindi agli operatori del settore". Lo ha dichiarato Raffaella Peloso, Register Valuer MRICS, durante la decima edizione di REbuild, l'evento dedicato all’innovazione sostenibile dell’ambiente costruito, che si è chiuso mercoledì 15 maggio a Riva del Garda.



"L'ESG data list identifica 12 indicatori di cui il valutatore, ma anche il fruitore delle valutazioni e in generale lo stakeholder del settore immobiliare deve tenere conto. Questi 12 indicatori, che in futuro diventeranno molti di più, sono riconducibili a quattro macro aree, che sono quelle dell'energy performance, quelle della green certification, quelle delle fonti energetiche e del rischio fisico e climatico. In particolare, in relazione all'energy performance, è evidente come un immobile più efficiente è in grado di liberare maggiore spazio per una maggiore redditività, così come la presenza di una green certification che negli ultimi tempi ha dato luogo a un green premium e ha rilevato la disponibilità da parte di alcuni investitori di riconoscere un green premium, che però nel corso del tempo è andato riducendosi e si arriverà a un punto in cui, anziché riconoscere un green premium agli immobili conformi, verrà associato un brown discount a quelli che non lo sono. Infine, è importante anche tenere conto di quelle che sono le fonti energetiche e quindi eventualmente anche la presenza di energia rinnovabile e del rischio fisico e climatico, così come degli elementi di mitigation e adaptation adesso associati", conclude Raffaella Peloso.
Condividi
```