Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Giovedì 9 Aprile 2020, ore 03.07
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Una lapide sull'Europa

Il nulla stellato, dipinto di blu

Guido Salerno Aletta
Guido Salerno Aletta
Editorialista dell'Agenzia Teleborsa
1 2 »

Anche il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, ieri, ne ha preso atto: "L'Italia sta attraversando una condizione difficile e la sua esperienza di contrasto alla diffusione del coronavirus sarà probabilmente utile per tutti i Paesi dell'Unione Europea. Si attendono quindi, a buon diritto, quanto meno nel comune interesse, iniziative di solidarietà e non mosse che possono ostacolarne l'azione".


Non è un auspicio, seppure tardivo, ma una presa d'atto: la solidarietà europea non esiste più.

Le parole di Mattarella segnano la fine di quello che per tanti politici è stato un sogno, quello di creare progressivamente una Unione politica europea, ma che per l'Italia è da decenni solo un incubo.

Tutta la costruzione europea è in pezzi.

Non si riesce a varare il piano finanziario pluriennale, compensando ovvero integrando le risorse della Gran Bretagna, ormai fuori dall'Unione. Servono una decina di miliardi di euro l'anno, che non si trovano: nessun Paese vuole rinunciare a qualche quota di programma in suo favore, né è disponibile ad aumentare la propria partecipazione alle risorse comunitarie devolvendo una maggiore quota di IVA. Di imporre nuove tasse, non è aria.

Sulla gestione dei migranti, non si parla neppure di rivedere l'Accordo di Dublino per procedere ad una redistribuzione. I Paesi di primo ingresso, e soprattutto l'Italia, sono rimasti soli ad affrontare questo problema.

Sulla questione dello sforamento del deficit da parte dell'Italia, per contrastare gli effetti della crisi economica e sanitaria determinata dall'epidemia di coronavirus, la risposta di Bruxelles è stata pilatesca: fate pure, ma deve trattarsi di scostamenti congiunturali.

Aumentare il deficit, con una economia che tracolla, significa peggiorare il rapporto debito/PIL: ed i mercati finanziari sono già pronti ad addentarci al collo, come sta dimostrando l'andamento dello spread da qualche giorno a questa parte.

Non basta avere un governo filoeuropeo, non basta avere un Ministro del tesoro che è stato seduto per anni sugli scranni del Parlamento europeo, non basta avere un Italiano come Commissario agli Affari Economici.
1 2 »
Altri Editoriali
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.