Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Lunedì 20 Agosto 2018, ore 08.56
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

La Turchia spaventa i mercati europei

La crisi finanziaria del Paese sta provocando un crollo della valuta e una impennata ai massimi storici dei rendimenti dei titoli di Stato

Commento, Finanza ·
(Teleborsa) - Le principali borse europee tagliano il traguardo di metà seduta in rosso. Piazza Affari viene trascinata al ribasso da Unicredit. Il titolo è sotto pressione per l'esposizione della banca in Turchia, Paese dove è attivo l'istituto di Piazza Gae Aulenti. Secondo la stampa straniera, la vigilanza BCE sarebbe preoccupata per il contagio della crisi economica e monetaria turca sulle banche europee.

L'Euro / Dollaro USA continua la seduta poco sotto la parità, con un calo dello 0,50%, dopo che il cross ha bucato la soglia degli 1,15 dollari, scontando le dichiarazioni arrivate dalla banca centrale europea.
L'Oro è sostanzialmente stabile su 1.210,5 dollari l'oncia. Sostanzialmente stabile il mercato petrolifero, che continua la sessione sui livelli della vigilia con il petrolio (Light Sweet Crude Oil) che scambia a 66,81 dollari per barile.

Lo Spread peggiora, toccando i 259 punti base, con un aumento di 7 punti base rispetto al valore precedente, con il rendimento del BTP decennale pari al 2,93%.

Tra i listini europei sessione nera per Francoforte, che lascia sul tappeto una perdita dell'1,54%. Giù anche Londra -0,67% e Parigi -1,09%. A Milano, forte calo del FTSE MIB (-1,57%), che ha toccato 21.295 punti.

Forte nervosismo e perdite generalizzate a Milano su tutti i settori, senza esclusione alcuna. Tra i peggiori della lista di Milano, in maggior calo i comparti bancario (-2,31%), automotive (-1,71%) e materie prime (-1,62%).

Tra i best performers di Milano, in evidenza Unipol (+2,89%) e UnipolSai (+2,48%) forti entrambe dei risultati semestrali. In caduta libera, invece, Unicredit, che affonda del 3,21%. Pesante Intesa Sanpaolo, che segna una discesa di ben -2,22 punti percentuali.

Tra i ribassi, pesante la discesa di STMicroelectronics, che continua la seduta con -4,32%.

Tra i protagonisti del FTSE MidCap, Datalogic (+2,55%), Geox (+1,47%), Amplifon (+0,86%) e FILA (+0,74%). Le più forti vendite, invece, si manifestano su Credem, che prosegue le contrattazioni a -3,94%.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.