Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 23 Aprile 2019, ore 16.36
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Mercati cauti. Milano si allinea

Nessuna variazione significativa per il listino milanese, con il FTSE MIB che si attesta sui valori della vigilia a 21.162 punti

Commento, Finanza ·
(Teleborsa) - Si muove con cautela la seduta finanziaria odierna delle borse europee, così come a Piazza Affari.

In focus le parole pronunciate dal Presidente dell'Eurotower, Mario Draghi, che in merito al rallentamento dell'economia ha parlato di "una dinamica più moderata che non prelude per forza un crollo", ribadendo che "resta necessaria una politica monetaria accomodante".

Sostanzialmente stabile l'Euro / Dollaro USA, che continua la sessione sui livelli della vigilia e si ferma a 1,128. Nessuna variazione significativa per l'oro, che scambia sui valori della vigilia a 1.317,2 dollari l'oncia. Sessione debole per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che scambia con un calo dello 0,68%.

In salita lo spread, che arriva a quota +256 punti base, con un incremento di 8 punti base, con il rendimento del BTP decennale pari al 2,52%.

Tra i mercati del Vecchio Continente ferma Francoforte, che segna un quasi nulla di fatto, discesa modesta per Londra, che cede un piccolo -0,3%, e trascurata Parigi, che resta incollata sui livelli della vigilia.

Nessuna variazione significativa per il listino milanese, con il FTSE MIB che si attesta sui valori della vigilia a 21.162 punti; sulla stessa linea, giornata senza infamia e senza lode per il FTSE Italia All-Share, che rimane a 23.185 punti. Sui livelli della vigilia il FTSE Italia Mid Cap (+0,17%), come il FTSE Italia Star (0,1%).

Risultato positivo a Piazza Affari per i settori automotive (+1,90%), costruzioni (+1,23%) e servizi finanziari (+0,86%). Tra i più negativi della lista di Piazza Affari, troviamo i comparti sanitario (-1,71%), tecnologia (-1,23%) e materie prime (-0,87%).

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Fiat Chrysler (+3,33%) su rumors di fusione, BPER (+2,28%), Banco BPM (+1,94%) e Azimut (+1,39%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su Amplifon, che ottiene -2,47%.

Sessione nera per Diasorin, che lascia sul tappeto una perdita del 2,07%.

Preda dei venditori STMicroelectronics, con un decremento dell'1,45%.

Si concentrano le vendite su Terna, che soffre un calo dell'1,38%.

Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, Carel Industries (+4,60%), Biesse (+2,86%), Fincantieri (+2,48%) e Salini Impregilo (+2,44%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su Cairo Communication, che continua la seduta con -2,33%.

Vendite su Inwit, che registra un ribasso dell'1,72%.

Seduta negativa per Sias, che mostra una perdita dell'1,42%.

Sotto pressione Brunello Cucinelli, che accusa un calo dell'1,29%.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.