Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Mercoledì 26 Giugno 2019, ore 13.46
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Mercati europei in rosso, inclusa Piazza Affari

Investitori preoccupati per l'escalation delle tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina. Nel frattempo sperano in un taglio dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve

Commento, Finanza ·
(Teleborsa) - Giornata negativa per Piazza Affari e le altre principali Borse europee, con gli investitori preoccupati per l'escalation delle tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina. Nel frattempo sperano in un taglio dei tassi di interesse da parte della banca centrale americana. In chiave Fed il mercato attende nel pomeriggio il dato sull'inflazione statunitense.

Sul mercato valutario, poco mosso l'Euro / Dollaro USA, che scambia sui valori della vigilia a 1,132. Seduta in lieve rialzo per l'oro, che avanza a 1.335,5 dollari l'oncia. Profondo rosso per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che continua gli scambi a 51,83 dollari per barile, in netto calo del 2,70%.

In salita lo spread, che arriva a quota +260 punti base, con un incremento di 6 punti base, con il rendimento del BTP decennale pari al 2,36%.

Nello scenario borsistico europeo Francoforte, mostra un ribasso dello 0,41%. Giù anche Londra che segna un calo dello 0,68% e Parigi che scambia con un -0,58%. Sessione debole per il listino milanese, cede lo 0,65% sul FTSE MIB.

Andamento negativo a Piazza Affari su tutti i comparti.

Nel listino, le peggiori performance sono quelle dei settori materie prime (-2,61%), tecnologia (-1,43%) e chimico (-1,36%).

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Amplifon (+1,05%) e Banca Generali (+0,76%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su BPER, che continua la seduta con -2,93%. Giù anche Banco BPM, che soffre un decremento del 2,14%.

Nel settore oil, crolla Tenaris, con una flessione del 2,58% nel giorno in cui ha fatto sapere che il CdA proporrà il delisting delle azioni dalla Borsa di Buenos Aires.

Tra i migliori titoli del FTSE MidCap, Gima TT (+5,43%) premiata dal mercato che ha apprezzato il piano di fusione con IMA. In denaro, inoltre, Falck Renewables (+2,37%), Mediaset (+1,16%) e Italmobiliare (+0,75%).

Tra i titoli in negativo, invece, Biesse, che continua la seduta con -4,68%. Pessima performance per Maire Tecnimont, che registra un ribasso del 3,45%.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.