Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Giovedì 20 Giugno 2019, ore 09.36
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Tesoro, a investitori esteri il 64% del nuovo BTP a 20 anni

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze comunica i dettagli dell’emissione del nuovo BTP a 20 anni, con scadenza 1° marzo 2040 e tasso nominale annuo del 3,10%

Economia ·
(Teleborsa) - Il nuovo BTP a 20 anni, lanciato ieri (12 giugno dal Tesoro), è stato richiesto per il 64% da investitori esteri, in particolare da quelli residenti in Gran Bretagna. E' quanto rileva il Ministero dell’Economia e delle Finanze che comunica i dettagli dell’emissione del nuovo BTP, con scadenza 1° marzo 2040 e tasso nominale annuo del 3,10%.

Hanno partecipato all'operazione circa 230 investitori per una domanda complessiva pari a quasi 24 miliardi di euro. I fund manager si sono aggiudicati circa il 49% dell’emissione, mentre circa il 30% è stato sottoscritto da banche. Da segnalare una partecipazione importante degli investitori con un orizzonte di investimento di lungo periodo, che hanno acquistato oltre il 9% (in particolare circa il 6% è andato a fondi pensione e assicurazioni mentre circa il 3% è stato assegnato a banche centrali e istituzioni governative). Agli hedge fund è stato allocato circa il 12%.

Al collocamento del titolo ha preso parte una platea estremamente diversificata di investitori, con una presenza rilevante di investitori esteri, pari a circa il 64%, mentre quelli domestici si sono aggiudicati il restante 36%. Tra gli investitori esteri, la quota più rilevante è stata sottoscritta da quelli residenti in Gran Bretagna (circa il 37%). Il resto del collocamento è stato distribuito in larga parte in Europa continentale (circa il 23%), ed in particolare in Germania/Austria/Svizzera (9%), in Spagna (5%), nei paesi scandinavi (4%), in Francia (2%), mentre il restante 3% è stato collocato presso altri paesi europei (il più rilevante dei quali è stato il Portogallo con una quota di circa l’1%).

Al di fuori dell’Europa, gli investitori statunitensi si sono aggiudicati circa il 2% dell’emissione, mentre il restante 2% circa dell’ammontare complessivamente emesso è stato collocato presso investitori asiatici e del continente americano (soprattutto Canada e Messico).

La transazione è stata effettuata tramite la costituzione di un sindacato di collocamento composto da Monte dei Paschi di Siena Capital Services Banca per le Imprese S.p.A, Morgan Stanley & Co Int. PLC, NatWest Markets PLC, Nomura Int e Société Générale Inv. Banking, che hanno partecipato in veste di lead manager, mentre tutti gli altri Specialisti in titoli di Stato sono stati coinvolti come co-lead manager dell’operazione.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.