Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 22 Ottobre 2019, ore 03.51
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Borse in rialzo con l'ultimo regalo di Draghi

Il Consiglio direttivo della Banca centrale europea ha deciso di riavviare il Quantitative Easing a partire dal mese di novembre. Inoltre è stato varato un nuovo taglio dei tassi di interesse sui depositi di 10 punti base e sulle operazioni di rifinanziamento

Commento, Finanza ·
(Teleborsa) - Finale positivo per le principali borse europee nel giorno in cui il Consiglio direttivo della BCE ha deciso di riavviare il Quantitative Easing a partire dal mese di novembre. Inoltre è stato varato un nuovo taglio dei tassi di interesse sui depositi di 10 punti base e sulle operazioni di rifinanziamento.

Sul mercato dei cambi, l'Euro / Dollaro USA prosegue gli scambi con un guadagno frazionale dello 0,34%, dopo che la moneta unica è scesa sotto quota 1,10 dollari in scia alle decisioni della BCE. L'Oro prosegue gli scambi con guadagno frazionale dello 0,62%. Il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) crolla dell'1,58%, scendendo fino a 54,87 dollari per barile.

Scende molto lo spread, raggiungendo +139 punti base, con un deciso calo di 16 punti base, con il rendimento del BTP a 10 anni che si posiziona allo 0,83%.

Tra i listini europei si muove in modesto rialzo Francoforte, evidenziando un incremento dello 0,41%. Incolore Londra, che non registra variazioni significative, rispetto alla seduta precedente. Bilancio positivo per Parigi, che vanta un progresso dello 0,44%. Piazza Affari continua la sessione in rialzo, con il FTSE MIB che avanza a 22.083 punti.

Apprezzabile rialzo a Milano per i comparti utility (+2,44%), alimentare (+1,64%) e sanitario (+1,59%).

Tra i peggiori della lista di Milano, in maggior calo i comparti materie prime (-1,43%), chimico (-0,98%) e viaggi e intrattenimento (-0,59%).

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Pirelli (+3,75%), Amplifon (+3,27%), Enel (+2,65%) e Terna (+2,60%). I più forti ribassi, invece, si verificano su Unipol, che continua la seduta con -1,64%.

Soffre Tenaris, che evidenzia una perdita dell'1,45%.

Preda dei venditori Ferragamo, con un decremento dell'1,36%.

Tra i protagonisti del FTSE MidCap, Sesa (+7,12%), Salini Impregilo (+6,96%), Rai Way (+2,49%) e Enav (+2,49%). Giù, invece, Tinexta, che prosegue le contrattazioni a -3,83%. Lettera su doValue, che registra un importante calo del 2,43%. Si concentrano le vendite su Carel Industries, che soffre un calo dell'1,76%.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.