Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Giovedì 17 Ottobre 2019, ore 22.29
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Rialzo controllato per le Borse europee

A trainare le contrattazioni in territorio positivo, le decisioni di politica monetaria espansiva palesate dalla Bce e la distensione dei rapporti tra Stati Uniti e Cina

Commento, Finanza ·
(Teleborsa) - Si chiude in positivo la settimana per Piazza Affari, cosi come per gli altri principali listini del vecchio continente. A trainare le contrattazioni europee, le decisioni di politica monetaria espansiva palesate dalla Bce, oltre che la distensione dei rapporti tra Stati Uniti e Cina, in vista della ripresa dei negoziati ad ottobre sul tema dei dazi commerciali.
L'Euro / Dollaro USA mantiene la posizione sostanzialmente stabile su 1,107. Prevale la cautela sull'oro, che continua la seduta con un leggero calo dello 0,34%. Lieve calo del petrolio (Light Sweet Crude Oil), che scende a 54,83 dollari per barile.

Ottimo il livello dello spread, che scende fino a +132 punti base, con un calo di 7 punti base, con il rendimento del BTP a 10 anni che si posiziona allo 0,86%.

Tra le principali Borse europee resistente Francoforte, che segna un piccolo aumento dello 0,62%, Londra avanza dello 0,40%, e si muove in modesto rialzo Parigi, evidenziando un incremento dello 0,35%.

Lieve aumento per la Borsa di Milano, che mostra sul FTSE MIB un rialzo dello 0,46%, continuando la scia rialzista evidenziata da tre guadagni consecutivi, innescata mercoledì scorso; sulla stessa linea, il FTSE Italia All-Share procede a piccoli passi, avanzando a 24.152 punti. In denaro il FTSE Italia Mid Cap (+1,33%), come il FTSE Italia Star (1,2%).

Si distinguono a Piazza Affari i settori vendite al dettaglio (+3,46%), bancario (+3,26%) e chimico (+1,40%).

Nel listino, i settori sanitario (-2,10%), alimentare (-2,05%) e beni industriali (-1,26%) sono tra i più venduti.

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Fineco (+4,27%), Unicredit (+4,13%), BPER (+3,30%) e UBI Banca (+3,15%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su Atlantia, che continua la seduta con -7,87%.

Sensibili perdite per Recordati, in calo del 3,07%.

Campari scende dell'1,94%.

Calo deciso per Amplifon, che segna un -1,9%.

Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, Tinexta (+6,82%), MARR (+5,88%), Gima TT (+5,81%) e Banca Popolare di Sondrio (+4,58%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su Sias, che continua la seduta con -2,56%.

In apnea ASTM, che arretra del 2,16%.

Sotto pressione Acea, con un forte ribasso dell'1,84%.

Sostanzialmente debole Inwit, che registra una flessione dello 0,77%.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.