Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Giovedì 24 Ottobre 2019, ore 00.55
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Assicurazioni, Italia deve migliorare cultura finanziaria e assicurativa

Nella Giornata dell'educazione assicurativa organizzata dall'Ania tra gli argomenti dibattuti emerge quello delle conoscenze e competenze nel risparmio

Finanza ·
(Teleborsa) - Nonostante la ricchezza delle famiglie del nostro Paese sia pari a 4.200 miliardi, l'Italia resta indietro sulla cultura finanziaria e assicurativa.

Per questo motivo, nella Giornata dell'educazione assicurativa organizzata a Roma dall'Ania, l'associazione che rappresenta il settore, tra gli argomenti maggiormente dibattuti emerge quello delle conoscenze e delle competenze nel tema del risparmio.
L'obiettivo è quello di avere "una cittadinanza consapevole", in grado di compiere scelte ponderate su risparmio e previdenza, e al tempo stesso capace di tutelarsi. "Ben un risparmiatore su cinque - ha messo in rilievo nel suo intervento di apertura Dario Focarelli, direttore generale dell'Ania - afferma di non avere familiarità con i prodotti finanziari. Serve un messaggio forte - spiega il numero uno dell'Associazione - serve rafforzare il grado di conoscenze finanziarie e assicurative delle persone. Le persone che hanno più informazioni sono in grado di fare le scelte migliori, per loro e per le loro famiglie. Ma è un benessere che va a vantaggio anche dei mercati. Ma va a vantaggio soprattutto dell'economia e della sostenibilità della crescita".

A pensarla così anche Fabio Panetta, presidente dell'Ivass, istituto per la vigilanza delle assicurazioni, il quale ha commentato: "l'Ivass è consapevole delle possibilità che gli strumenti assicurativi offrono ai risparmiatori per avere una vita più tranquilla, più serena. Quindi - continua Panetta - noi stiamo cercando di guidare i risparmiatori e i consumatori in un meandro di scelte che possono essere complicate, perché in Italia uno dei fattori principali, che contribuisce alla scarso livello di partecipazione al mercato assicurativo è la scarsa conoscenza di prodotti che per loro natura non sono semplici".

Nel corso della giornata di lavori, una tavola rotonda ha permesso a esponenti di compagnie assicuratrici, associazioni di consumatori, istituzioni e accademici di confrontarsi su questi temi.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.