Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Lunedì 11 Novembre 2019, ore 23.15
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Borse europee deboli. Timido recupero per Milano

Cautela sul commercio internazionale

Commento, Finanza ·
(Teleborsa) - Seduta prudente per le principali borse del Vecchio Continente. La cautela regna anche sulla piazza di Milano che si posiziona sulla linea di parità, con i realizzi sui titoli bancari. Cautela sul commercio internazionale.

Sul mercato dei cambi, poco mosso l'Euro / Dollaro USA, che scambia sui valori della vigilia a 1,103. Lieve calo dell'oro, che scende a 1.462,8 dollari l'oncia. Prevalgono le vendite sul petrolio (Light Sweet Crude Oil), che continua la giornata a 56,21 dollari per barile, in forte calo dell'1,64%.

In deciso rialzo lo spread, che si posiziona a +147 punti base, con un forte incremento di 8 punti base, mentre il BTP con scadenza 10 anni riporta un rendimento dell'1,22%.

Tra le principali Borse europee deludente Francoforte, che si adagia poco sotto i livelli della vigilia. Fiacca anche Londra -0,26% e Parigi, che passa di mano sulla parità. Fermo il listino milanese, con il FTSE MIB che si attesta sui valori della vigilia a 23.501 punti.

In buona evidenza a Milano i comparti telecomunicazioni (+1,59%), utility (+1,39%) e beni per la casa (+0,62%).

Nel listino, i settori materie prime (-1,00%), assicurativo (-0,73%) e tecnologia (-0,72%) sono tra i più venduti.

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, brilla Telecom Italia, con un forte incremento (+2,65%) grazie ai risultati di bilancio.

bene i titoli difensivi come Hera, che mostra un ampio progresso dell'1,75%. Andamento positivo per Enel, che avanza di un discreto +1,45%. Ben comprata Terna, che segna un forte rialzo dell'1,27%.

Giù Tenaris, con un decremento dell'1,01%.

Tra i protagonisti del FTSE MidCap, Falck Renewables (+5,36%), Cementir Holding (+3,03%), Brunello Cucinelli (+2,78%) e Zignago Vetro (+2,56%). I più forti ribassi, invece, si verificano su Fincantieri, che continua la seduta con -5,53%. Sensibili perdite per doValue, in calo del 4,45%. In apnea Mutuionline, che arretra del 2,65%. Tonfo di Maire Tecnimont, che mostra una caduta del 2,35%.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.