Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Sabato 25 Gennaio 2020, ore 16.31
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Timido aumento in Piazza Affari. Borse europee caute

Gli investitori restano cauti dopo la firma dell'accordo di fase uno tra Cina e Stati Uniti

Commento, Finanza ·
(Teleborsa) - Valori in leggero rialzo per la Borsa di Milano, mentre il resto di Eurolandia viaggia sulla parità. Gli investitori restano cauti dopo la firma dell'accordo di fase uno tra Cina e Stati Uniti, consapevoli che l'intesa è solo un primo passo e che molte questioni restano ancora aperte.

Sul mercato valutario, l'Euro / Dollaro USA continua la seduta sui livelli della vigilia, riportando una variazione pari a -0,17%. L'Oro continua la seduta poco sotto la parità, con un calo dello 0,34%. Deciso rialzo del petrolio (Light Sweet Crude Oil) (+1,54%), che raggiunge 58,7 dollari per barile.

Lo Spread peggiora, toccando i +167 punti base, con un aumento di 5 punti base rispetto al valore precedente, con il rendimento del BTP decennale pari all'1,42%.

Nello scenario borsistico europeo sostanzialmente invariato Francoforte, che riporta un moderato -0,02%. Poco mossa Londra che scambia con un -0,43%. Resta vicino alla parità Parigi (+0,11%). Giornata di guadagni per la Borsa di Milano, con il FTSE MIB, che mostra una plusvalenza dello 0,74%.

Risultato positivo a Piazza Affari per i settori utility (+1,94%), telecomunicazioni (+1,85%) e alimentare (+1,85%).

In fondo alla classifica, i maggiori ribassi si manifestano nei comparti sanitario (-2,19%) e viaggi e intrattenimento (-0,43%).

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo UBI Banca (+3,93%), Enel (+2,56%), Banco BPM (+2,25%) e Campari (+1,93%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Diasorin, che prosegue le contrattazioni a -2,82%.

Crolla Recordati, con una flessione del 2,06%.

Preda dei venditori Amplifon, con un decremento dell'1,96%.

Si concentrano le vendite su Juventus, che soffre un calo dell'1,53%.

In cima alla classifica dei titoli a media capitalizzazione di Milano, Inwit (+4,63%), Ascopiave (+3,39%), Sesa (+2,12%) e Maire Tecnimont (+2,10%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Saras, che prosegue le contrattazioni a -2,75%.

Vendite a piene mani su Cerved Group, che soffre un decremento del 2,50%.

Pessima performance per ASTM, che registra un ribasso del 2,37%.

Vendite su OVS, che registra un ribasso dell'1,84%.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.