Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Sabato 29 Febbraio 2020, ore 07.41
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Giù Piazza Affari. Cauti i listini europei

Gli investitori guardano alla questione politica italiana

Commento, Finanza ·
(Teleborsa) - Si muovono con cautela i listini europei, dopo il calo della vigilia innescato dai timori per il virus in Cina. Più debole la performance di Piazza Affari con lo spread del rendimento fra i titoli di Stato decennali italiani e tedeschi in rialzo sulla notizia che il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio si dimetterà da leader del Movimento Cinque Stelle.

Sul mercato valutario, l'Euro / Dollaro USA continua la seduta sui livelli della vigilia, riportando una variazione pari a +0,06%. L'Oro mantiene la posizione sostanzialmente stabile su 1.556,8 dollari l'oncia. Prevale la cautela sul mercato petrolifero, con il greggio (Light Sweet Crude Oil) che continua la seduta con un leggero calo dello 0,69%.

Torna a salire lo spread, attestandosi a +169 punti base, con un aumento di 5 punti base, con il rendimento del BTP decennale pari all'1,41%.

Nello scenario borsistico europeo sostanzialmente invariato Francoforte, che riporta un moderato +0,15%. Resta vicino alla parità Londra (+0,12%) seguita da Parigi. Si muove in frazionale ribasso Piazza Affari, con il FTSE MIB che sta lasciando sul parterre lo 0,47%.

In buona evidenza a Milano i comparti sanitario (+0,90%), vendite al dettaglio (+0,58%) e automotive (+0,52%).

Tra i peggiori della lista di Piazza Affari, in maggior calo i comparti bancario (-1,39%), telecomunicazioni (-1,07%) e petrolio (-0,83%).

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Amplifon (+1,36%), Ferrari (+1,23%), Atlantia (+1,22%) e Diasorin (+1,14%).

Dal lato dei ribassi troviamo le banche su cui pesa la risalita dello spread. Affonda Banco BPM, con un ribasso del 2,95%. Scivola Unicredit, con un netto svantaggio del 2,35%. In rosso BPER, che evidenzia un deciso ribasso dell'1,99%.

Tra i protagonisti del FTSE MidCap, MARR (+1,49%), Technogym (+0,83%), Carel Industries (+0,78%) e ASTM (+0,63%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su Fincantieri, che ottiene -2,22%.

Spicca la prestazione negativa di Cattolica Assicurazioni, che scende dell'1,87%.

Tamburi scende dell'1,81%.

Calo deciso per Banca Popolare di Sondrio, che segna un -1,81%.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.