Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Venerdì 3 Aprile 2020, ore 03.14
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Trump svela il piano per MO: "Due Stati e Gerusalemme capitale Israele"

Gerusalemme Est sarebbe la capitale della Palestina, dure le reazioni del mondo arabo. Abu Mazen: "Nostri diritti non si barattano"

Economia, Politica ·
(Teleborsa) - Donald Trump svela la sua soluzione per il conflitto chiave del Medio Oriente e lancia la proposta USA dei due Stati, Israele e Palestina, con Gerusalemme capitale indivisa del primo e la possibilità che Gerusalemme Est possa diventare capitale del secondo.

Il documento, di 80 pagine e definito "il più dettagliato" di sempre, è stato presentato dal tycoon in una conferenza stampa congiunta con il premier israeliano Benjamin Netanyahu: ai giornalisti Trump ha chiarito che "potrebbe essere l'ultima opportunità per arrivare a una pace in Medio Oriente".

Il piano, ha spiegato il presidente USA, prevede investimenti per 50 miliardi di dollari in Palestina e, in caso di accordo, l'apertura dell'ambasciata degli Stati Uniti a Gerusalemme Est, confermando l'intenzione di renderla capitale del futuro Stato palestinese.

Trump ha poi spiegato di aver inviato una lettera al presidente dell'Autorità nazionale palestinese Abu Mazen e di aver ipotizzato trattative per i prossimi 4 anni.

Il progetto USA non è piaciuto al mondo arabo, a iniziare dallo stesso Abu Mazen che lo ha respinto in toto. "Gerusalemme non è in vendita, e i nostri diritti non si barattano", ha dichiarato il presidente palestinese.

Tra i punti più contestati c'è il riconoscimento da parte degli States delle colonie israeliane nei territori come parte di Israele, mentre viene negato il ritorno in Israele ai profughi palestinesi.

Lo stesso Netanyahu si è detto pronto a negoziare con i palestinesi un "cammino verso un futuro Stato", ma a condizione che questi riconoscano Israele come uno "Stato ebraico".

Netta l'opposizione di Hamas. Il portavoce Sami Abu Zuhr ha definito il piano di Trump "è aggressivo e provocherà molta ira. Gerusalemme - ha proseguito parlando alla Reuters - sarà sempre una terra per i palestinesi. I palestinesi fronteggeranno questo Piano e Gerusalemme resterà sempre terra palestinese"

Contrarietà è stata espressa dall'Iran. In una nota il ministero degli Esteri ha dichiarato che "il vergognoso piano americano imposto ai palestinesi è il tradimento del secolo ed è destinato al fallimento".


Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.