Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Mercoledì 1 Aprile 2020, ore 17.36
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Coronavirus, Anief esclusa da riunione al Ministero

Pacifico: "chiudere tutte le scuole in tutta Italia, almeno fino a metà marzo"

Economia ·
(Teleborsa) - "Abbiamo mostrato la disponibilità a partecipare all'incontro di oggi, ma ci hanno escluso senza alcuna spiegazione. Marcello Pacifico presidente Anief commenta l'incontro con il ministro e i sottosegretari di tutti i sindacati, tranne l'Associazione nazionale insegnanti e formatori, ribadendo la richiesta al Presidente del Consiglio e ai Presidenti delle Regioni di "chiudere tutte le scuole in tutta Italia, almeno fino a metà marzo".

"Le lezioni possono essere fatte a distanza o recuperate in altri giorni, ma inutile assistere a ordinanze a pioggia in luoghi, persino, senza contagio - aggiunge il sindacalista - che spiega "come organizzazione sindacale stiamo seguendo ogni giorno le indicazioni delle autorità. Abbiamo annullato più di cento assemblee sindacali già programmate, chiuso gli sportelli in tutto il territorio dove sono state sospese le lezioni per evitare assembramenti, dato istruzioni per la salute dei lavoratori e dei nostri collaboratori in linea con le indicazioni del ministero della Sanità e della Protezione civile".

"In questo momento così grave è dovere della politica coinvolgere e non escludere tutte le parti sociali - tuona Pacifico - tanto più se rappresentative, per evitare sterili polemiche e ottenere il massimo della collaborazione".

"È una grave responsabilità dell'ufficio di Gabinetto del ministro dell'Istruzione questa dimenticanza o intenzionalità riscontrata nell'odierna mancata convocazione, quando sono state invitate tutte le altre organizzazioni sindacali rappresentative della dirigenza e del comparto, come si apprende da Orizzonte scuola. Non faremo ricorso contro questa evidente violazione della nostra libertà sindacale perché non abbiamo avuto l'informativa data ad altri. Non abbiamo tempo da perdere. Di fronte alla possibile rapida diffusione di un'epidemia, vogliamo concentrarci sulle misure di contenimento. Siamo pronti a essere coinvolti nelle scelte dell'amministrazione per superare insieme l'emergenza e garantire la sicurezza dei nostri alunni, del personale docente, educativo e Ata. I nostri contatti sono sempre aperti", conclude il presidente Anief.

(Foto: unique hwang / Pixabay)
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.