Giovedì 9 Luglio 2020, ore 10.14
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Piccoli passi per Piazza Affari, mentre Eurolandia festeggia

Commento, Finanza, Spread ·
(Teleborsa) - Marginale aumento della Borsa di Milano, mentre il resto dell'Europa è all'insegna del toro. Negli USA, sostanzialmente stabile lo S&P-500.

L'Euro / Dollaro USA mantiene la posizione sostanzialmente stabile su 1,097. Sessione debole per l'oro, che scambia con un calo dello 0,56%. Forte riduzione del petrolio (Light Sweet Crude Oil) (-4,83%), che ha toccato 32,69 dollari per barile.

Lo Spread tra il rendimento del BTP e quello del Bund tedesco si riduce, attestandosi a +190 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona all'1,48%.

Tra le principali Borse europee ben impostata Francoforte, che mostra un incremento dell'1,33%, tonica Londra che evidenzia un bel vantaggio dell'1,26%, e brilla Parigi, con un forte incremento (+1,79%).

Lieve aumento per la Borsa Milanese, con il FTSE MIB che sale dello 0,28% a 17.910 punti; sulla stessa linea, piccolo scatto in avanti per il FTSE Italia All-Share, che arriva a 19.603 punti. Sulla parità il FTSE Italia Mid Cap (+0,19%); variazioni negative per il FTSE Italia Star (-1,33%).

In buona evidenza a Milano i comparti bancario (+2,62%), assicurativo (+1,77%) e viaggi e intrattenimento (+1,44%).

Tra i più negativi della lista di Piazza Affari, troviamo i comparti sanitario (-6,34%), tecnologia (-4,58%) e telecomunicazioni (-0,80%).

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, ottima performance per Unicredit, che registra un progresso del 4,68%.

Exploit di Mediobanca, che mostra un rialzo del 4,08%.

Su di giri CNH Industrial (+3,76%).

Acquisti a piene mani su Atlantia, che vanta un incremento del 3,68%.

Le peggiori performance, invece, si registrano su Diasorin, che ottiene -12,18%.

In caduta libera Nexi, che affonda del 7,84%.

Pesante STMicroelectronics, che segna una discesa di ben -5,32 punti percentuali.

Seduta drammatica per Amplifon, che crolla del 3,71%.

In cima alla classifica dei titoli a media capitalizzazione di Milano, OVS (+15,17%), RCS (+6,53%), Banca MPS (+4,57%) e Autogrill (+4,31%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Carel Industries, che prosegue le contrattazioni a -4,60%.

Sensibili perdite per Italmobiliare, in calo del 3,51%.

In apnea Salini Impregilo, che arretra del 2,92%.

Tonfo di Falck Renewables, che mostra una caduta del 2,59%.

Tra le grandezze macroeconomiche più importanti, i mercati sono in attesa dei Prezzi al Consumo della Spagna (il precedente era -0,7%), previsto domani dopo le 09:00. L'Indice dei Prezzi al Consumo (CPI) misura le variazioni dei prezzi dei beni e de servizi acquistati dai consumatori su un periodo predefinito.

In Italia verranno diffusi i Prezzi alla Produzione alle 12:00 di domani. L'Indice dei Prezzi alla Produzione (PPI) indica la variazione del prezzo di merci e materie prime acquistate dai produttori. L'indice è un indicatore anticipatore dell'inflazione dei prezzi al consumo.

È previsto dall'Italia l'annuncio del dato Prezzi alla Produzione, atteso domani alle 12:00.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.